Economia

Le nuove torri del 5G nascono in Friuli e fanno tendenza in tutto il mondo

intelligenti, veri e propri hub tecnologici in grado di cooperare tra loro fornendo servizi per sicurezza e videosorveglianza, controllo del traffico e dell’inquinamento, illuminazione

Torri per le telecomunicazioni “intelligenti”, eleganti e di design, che non solo diffondono connettività per la nuova infrastruttura 5G, ma sono sempre più al servizio di municipalità e multiutility per lo sviluppo della smart city. Grazie all’utilizzo di software di gestione evoluti, queste smart tower sono uno dei pilastri della nuova città sicura, ecosostenibile e interconnessa, a cui forniscono, ad esempio, illuminazione “al bisogno”, controllo dei livelli di inquinamento, sicurezza attraverso telecamere e attività di videoanalisi, ma anche - collocate in ambienti chiusi come stazioni, aeroporti, stadi, fiere - monitoraggio del flusso di persone, informazione e intrattenimento su grandi schermi LED integrati.

Nuova generazione

È la sfida di Calzavara SpA, società di Basiliano – 21 milioni di euro di fatturato e oltre 100 dipendenti – tra le più note nella fornitura di torri tradizionali per telecomunicazioni e oggi apripista nello sviluppo delle nuove infrastrutture che aiuteranno le towerco a trasformarsi e a diventare elementi strategici della smart city, cooperando nell’adempiere compiti complessi. “Le torri per la telefonia mobile – spiega Massimo Calzavara, amministratore delegato di Calzavara SpA – finora sono state strutture passive affittate agli operatori di rete per installare le antenne e consentire la diffusione del segnale. Le nostre torri di nuova generazione invece ospitano sia antenne che altre tecnologie, sono intelligenti, equipaggiate con un software che gestisce tutto l’ecosistema e progettate per aiutare le towerco a evolvere in fornitori di servizi ad alto valore aggiunto, come la raccolta e la gestione di dati da sensori IoT, il monitoraggio dell’inquinamento, la videosorveglianza cittadina e l’illuminazione stradale”.

Smart

“La nostra piattaforma software mette a disposizione un digital twin – continua Calzavara – cioè la replica virtuale della torre, continuamente aggiornata da un flusso consistente di dati provenienti sia dalla torre stessa sia dal sistema di impianti ad essa collegati, come telecamere e sensori. Questo approccio data-centrico consente di ricostruire informazioni su spazi occupati e disponibili, margini di carico residui per la struttura, consumi energetici, banda utilizzata, telemetrie degli impianti di servizio, allarmi, situazione manutentiva, fornendo strumenti e aperture ad altri soggetti economici che vogliano assumere il ruolo di neutral host. Le nostre torri quindi non saranno più appannaggio esclusivo degli operatori telco, ma diventeranno strategiche anche per le municipalità e le multiutility coinvolte nello sviluppo della smart city”.

Design

Ma c’è anche un altro elemento di distinzione, rappresentato dal gusto italiano per le forme. È dal 2006 che l’azienda realizza strutture in cui design e tecnologia si fondono, un connubio premiato dal mercato e declinato in vari modelli che possono essere inseriti nel tessuto urbano di una smart city senza deturparlo. La Dicecell ad esempio, oltre alla connettività 5G (con small cell) necessaria alle telecomunicazioni, permette di offrire servizi di sicurezza e videosorveglianza attraverso telecamere e videoanalisi, illuminazione intelligente, monitoraggio ambientale grazie a sensori per il clima e l’inquinamento (temperatura, umidità, polveri sottili). Inoltre, può essere impiegata in ambienti chiusi come centri commerciali, aeroporti e stadi per fornire, insieme a connettività cellulare e Wi-Fi, il monitoraggio del flusso di persone e servizi di informazione, intrattenimento e pubblicità su grandi schermi LED integrati. Connettività, videosorveglianza, smart lighting e monitoraggio ambientale possono poi essere erogati anche da una linea di “pali stradali” pensati per il potenziamento della smart road a supporto dalla futura infrastruttura per i servizi di guida autonoma. Infine, specificatamente per gli operatori telecom è stata studiata una smart tower per macro-siti che dietro un design elegante nasconde le antenne macro-cella 5G di 4 operatori diversi e un micro-datacenter per edge computing.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le nuove torri del 5G nascono in Friuli e fanno tendenza in tutto il mondo

UdineToday è in caricamento