rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
aiuti alle famiglie

"Nella finanziaria regionale poco sostegno alle famiglie"

Critiche da parte dei sindacati regionali Cgil, Cisl e Uil rispetto alle decisioni della giunta regionale rispetto ai finanziamenti

Continuano le critiche che seguono alla finanziaria approvata dalla maggioranza in consiglio regionale. Una delle ultime riguarda il sostegno alle famiglie, e viene mossa dai sindacati (nello specifico Cgil, Cisl e Uil del Friuli Venezia Giulia). “Una delle finanziarie regionali più ‘ricche’ nella storia del Friuli Venezia Giulia, che ha mosso oltre 5 miliardi di euro, preceduta da due assestamenti per oltre un miliardo, si mostra generosa con le imprese, associazioni, enti colpiti dai costi energetici, ma non è altrettanto sensibile con la popolazione alle perse con “bollette esorbitanti”. Questo è quanto si rileva da una nota diramata dai segretari regionali dei tre sindacati del Friuli Venezia Giulia, Villiam Pezzetta segretario regionale Cgil Fvg,  Alberto Monticco segretario regionale Cisl Fvg e Matteo Zorn segretario regionale Uil Fvg, commentando la manovra bilancio regionale approvata dal consiglio regionale venerdì notte. "Comprendiamo la visione di lungo periodo espressa dal governatore Massimiliano Fedriga per quanto riguarda gli investimenti nel tessuto produttivo soprattutto nell'autosufficienza energetica - continuano i segretari -. Tuttavia nell’immediato c’è necessità di alleviare la pressione sulla società colpita dalla crisi energetica, potenziando significativamente le misure redistributive verso la parte della popolazione più bisognosa e le famiglie. E anche un maggiore sostegno agli enti bilaterali, come quello dell’artigianato che garantisce direttamente ai lavoratori prestazioni dirette sulle bollette. Vista la quantità risorse, che derivano in parte dall’extra gettito, forse si doveva avere maggiore visione di lungo periodo e non solo aumentare i finanziamenti esistenti”, concludono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nella finanziaria regionale poco sostegno alle famiglie"

UdineToday è in caricamento