menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Safilo: sindacati e azienda uniti contro le dichiarazioni di Fontanini

"La nuova dirigenza saprà andare oltre il patetico comportamento del presidente della Provincia" secondo i rappresentanti dei lavoratori. Per l'azienda "l'interesse è di valorizzare le capacità del territorio, non di certo di delocalizzare"

"Il presidente Fontanini doveva accogliere l'invito del Gruppo che festeggia gli 80 anni di vita, e magari, conoscere di persona il nuovo Ad, che sta segnando una netta discontinuità con le strategie vecchie e perdenti della gestione precedente". Lo hanno affermato i rappresentanti sindacali friulani della Safilo, commentando le critiche del presidente della Provincia di Udine a proposito del ricevimento a Venezia per l'anniversario di fondazione del gruppo dell'occhialeria, organizzato al museo Peggy Guggenheim

"Dopo la profonda crisi che dal 2008 ha rischiato di portare al fallimento il gruppo - spiegano i sindacati - oggi possiamo parlare di rilancio e ricostruzione del perduto valore aziendale e occupazionale con Luisa Delgado alla guida, che ha già manifestato la volontà di proseguire in tal senso. Su questo fronte, i lavoratori e il sindacato friulani hanno già manifestato la volontà di non mollare e continuare la sfida per riprendere un primato che, ne siamo convinti, è assolutamente alla nostra portata; conseguentemente non condividiamo l'atteggiamento polemico e superficiale del presidente. Tuttavia siamo convinti che la nuova dirigenza saprà andare oltre il patetico comportamento del presidente della Provincia e sarà in prima linea per realizzare assieme a dipendenti e rappresentanze - concludono - i nuovi obiettivi di Safilo nel mercato globale contando fortemente sui siti produttivi di Martignacco, Santa Maria di Sala e Longarone".

Le conferme della nuova linea aziendale arrivano direttamente anche da Safilo. La portavoce dell’azienda ha confermato la "volontà del nuovo corso Safilo di tutelare l’italianità e la manodopera italiana. Proprio per questo si è scelto Venezia come luogo di celebrazione della festa, città simbolo dell’italianità nel mondo. L’interesse è di valorizzare  le capacità del territorio, non di certo di delocalizzare”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento