menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sviluppo rurale, ora i fondi saranno ripartiti in modo omogeneo tra le Regioni

L'assessore regionale del Fvg alle Risorse Agroalimentari Zannier, «Favorevole alla proposta del Ministro Patuanelli, che trova il mio pieno appoggio»

La proposta di riparto tra Regioni dei fondi europei destinati all’Italia per lo Sviluppo Rurale nel biennio 2021-2022, recentemente presentata dal Ministro per le politiche agricole, alimentari e forestali, trova il pieno consenso dell’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, forestali, ittiche e montagna del Friuli Venezia Giulia, Stefano Zannier.

«Una mediazione equilibrata»

“La proposta - afferma l'assessore - rappresenta una mediazione equilibrata, nel tentativo di trovare una soluzione concreta alla contrapposizione emersa tra 15 Regioni e Province autonome intente a superare un sistema di riparto storico che risale a più di vent’anni fa e altre 6 che pretendono di mantenere inalterato il meccanismo grazie al quale percepiscono il 48% dei fondi del secondo pilastro assegnati all’Italia”.

Il documento ministeriale individua le esigenze di finanziamento del Psr nazionale e prospetta una mediazione per il riparto dei fondi Feasr tra i Psr regionali, fondi che ammontano a 3.915 milioni di euro e che sviluppano, con il cofinanziamento dello Stato e delle Regioni, oltre 6.900 milioni di spesa pubblica.

Nuovi parametri oggettivi

Prevede infatti di introdurre dei parametri oggettivi che non sostituiranno il sistema “storico” in maniera immediata, bensì, con un meccanismo graduale che prevede per il 2021 l’applicazione per un 30% dei criteri oggettivi e il mantenimento per il 70% dei parametri storici, mentre tali percentuali si rovesceranno nel 2022, ovvero un 70% di criteri oggettivi e un 30% di parametri storici.

Questa scelta, pertanto, comporta ancora molti aspetti “di favore” per le sei regioni, principalmente del Sud, che finora hanno beneficiato ampiamente di un volume di fondi molto maggiore, che ora tenderà progressivamente a riequilibrarsi tra tutte le Regioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento