menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno scatto della premiazione Da sinistra: Lessio, Damiano, Goldoni, De Paoli

Uno scatto della premiazione Da sinistra: Lessio, Damiano, Goldoni, De Paoli

Ricerca sul tumore al seno, borsa di studio consegnata da Friuladria e Teatro Verdi

Ad aggiudicarsela Valentina Damiano, trentenne ricercatrice al Centro di Riferimento Oncologico di Aviano: potrà proseguire lo studio del gene responsabile del rapido sviluppo del tumore alla mammella

Originaria di Avellino, con la passione per la musica rock, per le passeggiate all’aria aperta e per i viaggi. Valentina Damiano, trentenne ricercatrice al Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, si è aggiudicata la borsa di studio istituita da FriulAdria Crédit Agricole e Teatro Verdi di Pordenone.
Il riconoscimento è stato consegnato nella sala convegni del Cro dal responsabile Retail di FriulAdria, Davide Goldoni, e dal presidente del Teatro Verdi, Giovanni Lessio, che hanno presenziato alla piccola cerimonia insieme al direttore scientifico dell’Istituto, Paolo De Paoli.

Grazie a questa borsa di studio ora la ricercatrice campana, friulana d’adozione, potrà proseguire lo studio del gene responsabile del rapido sviluppo del tumore alla mammella che ogni anno colpisce circa 5 mila giovani donne in Italia.
L’idea della borsa di studio è nata circa due anni fa con l’iniziativa “La Prima per la ricerca” promossa dal Teatro Verdi a cui si è aggiunta FriulAdria con la destinazione dei fondi raccolti attraverso la comunicazione in filiale e attraverso il risparmio generato dalla mancata realizzazione di calendari e agende che fino a qualche anno fa rappresentavano il tradizionale omaggio natalizio per la clientela.

“Una particolare criticità del tumore al seno nelle donne giovani è quella di riattivare dei geni che si erano spenti con lo sviluppo dell’embrione – ha dichiarato il direttore scientifico del Cro, Paolo De Paoli – Questo genera una situazione di anarchia che è all’origine di una delle patologie più aggressive e resistenti alle cure. Studiare il comportamento di questi geni è l’obiettivo del progetto di ricerca che, come consuetudine del nostro Istituto, vede operare fianco a fianco ricercatori e medici”. 

“Il Teatro Verdi di Pordenone – ricorda il presidente Giovanni Lessio - si è stretto a raccolta attorno al Centro di riferimento oncologico di Aviano, una delle grandi eccellenze del nostro territorio, a partire dal settembre 2012, quando, facendosi portavoce di tutte le espressioni culturali, scelse di diventare “vetrina” e palcoscenico di questa eccellenza in modo anche concretamente tangibile, devolvendo il ricavato della “prima” della Stagione – il concerto diretto da Wayne Marshall – alla ricerca condotta dal Cro, in particolare indirizzando l’attenzione al campo del tumore al seno. Un’iniziativa proseguita l’anno successivo, quando fu anche coniato lo slogan “La prima per la ricerca”, in occasione del concerto inaugurale della Stagione 2013/2014 che portò sul palco la Filarmonica Toscanini”. 

Nel 2014, l’apertura del cartellone, con il concerto dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, fu ancora all’insegna del “ponte” fra cultura e ricerca, che si rafforzò grazie all’intervento di FriulAdria Crédit Agricole.
“In qualità di socio onorario del Teatro e partner del Cro, a fine 2014 FriulAdria volle consolidare l’iniziativa della 'prima per la ricerca' avviando una raccolta fondi a sostegno della borsa di studio che ora è stata consegnata – osserva il responsabile Retail Davide Goldoni – Con la decisione di non stampare le agende e i calendari, tradizionale omaggio di fine anno per la clientela e per i soci dell’Istituto si intese lanciare un messaggio di solidarietà e sobrietà in occasione delle festività natalizie, promuovendo nel contempo l’attività di ricerca del Cro di Aviano che rappresenta una delle eccellenze di questo territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento