menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione del progetto

La presentazione del progetto

"Esercizi commerciali virtuosi", il nuovo progetto del Comune

L'iniziativa è mirata all'abbattimento dei costi dell'elettricità e del riscaldamento per i negozi della città. Grazie alla collaborazione con Legambiente, sarà possibile risparmiare controllando gli sprechi e aumentando l'efficienza

Il Comune di Udine, in collaborazione con Legambiente del Friuli Venezia Giulia Onlus, con il progetto “Esercizi Commerciali Virtuosi” offre un'interessante occasione al tessuto economico della Città di Udine. Gli imprenditori che vorranno aderire (già oltre 30 quelli coinvolti in via preventiva) potranno infatti ottenere una valutazione dei propri consumi elettrici e termici, per cercare di sfruttare l'energia in modo più efficiente e sostenibile.

L’iniziativa, presentata oggi a palazzo D’Aronco, dall’assessore alla Qualità della Città, Lorenzo Croattini, e da Cristiano Gillardi di Legambiente FVG, rientra tra le azioni che il Comune ha previsto nel “Piano di Azione per l’Energia Sostenibile”, in qualità di firmatario del Patto dei Sindaci, l’iniziativa della Comunità Europea a cui il Comune ha aderito tra i primi.
"Questo progetto che rientra nel Patto dei Sindaci – dice l’assessore Croattini – vuole essere una collaborazione tra Comune e pubblici esercizi per dimostrare come questi interventi siano possibili e come il loro impatto economico possa essere modesto se non nullo calcolando i risparmi ottenuti nell'uso di energia elettrica e termica”.

Comune di Udine e Legambiente rivolgono l'invito a partecipare gratuitamente soprattutto ai supermercati, al settore alimentare, all'alberghiero e alla ristorazione. Il prossimo 17 dicembre in Sala Ajace, nel corso di un convegno aperto al pubblico, il progetto sarà illustrato nel dettaglio, poiché i livelli di adesione sono diversi.


“La proposta – spiega Gillardi – intende incidere sui consumi del settore terziario, prima di tutto misurandoli, per rendere ciascuno consapevole della propria impronta energetica  anche sul lavoro. Questa conoscenza è un punto di partenza che consentirà a ogni esercizio di  valutare come contenere i propri consumi, laddove possibile, con beneficio sia dell'ambiente, sia del proprio bilancio economico”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus FVG, 208 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento