menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Franco Belci

Franco Belci

Occupazione: il segno "più" manca ancora, ma «governo regionale sufficiente»

I numeri del 2015 nell’analisi della Cgil. Sos lanciato dal segretario Franco Belci: «Giovani in fuga dal mercato del lavoro»

L’emorragia di posti di occupati forse si è fermata, ma dal mercato del lavoro ancora non arrivano segnali chiari di un’inversione di tendenza. Anzi: i dati, specie se analizzati con una logica di medio periodo, confermano l’aggravarsi dell’emergenza lavoro per i giovani, le principali vittime della crisi, più colpiti di quanto non dica il semplice dato del tasso di sisoccupazione. Questa, in estrema sintesi, l’analisi tracciata dal segretario della Cgil Fvg Franco Belci nella sua conferenza stampa di fine anno, convocata per fare il punto su un 2015 ancora caratterizzato dall’incertezza delle prospettive di ripresa. «Il ritorno al segno più alla voce Prodotto interno lordo, molto enfatizzato dal Governo, è ancora troppo timido per tradursi in una vera ripresa, soprattutto sul versante occupazionale», spiega Belci, prudente anche sull’aumento dei contratti a tempo indeterminato, molto marcato in regione, dove si registra l’incremento percentuale più alto a livello nazionale.

«È vero che i contratti stabili in regione crescono di oltre 70 punti – osserva il segretario Cgil – ma nell’ambito del tempo indeterminato il saldo tra assunzioni e cessazioni resta negativo, sia pure di poco. L’indubbio effetto propulsivo degli sgravi contributivi, inoltre, andrà misurato nell’arco del triennio di durata della misura: a partire dal secondo anno, visato il meccanismo degli sgravi, licenziare diventa infatti meno costoso rispetto al primo anno». Ma la prudenza è d’obbligo anche alla luce dei dati Istat: «Vero che i primi nove mesi del 2015 hanno fatto segnare tre incrementi consecutivi dei posti, ma il dato medio di quest’anno, 496mila occupati, segna una ripresa minima rispetto ai 495mila dello scorso anno, che rappresentavano il picco negativo degli ultimi dieci anni».

Il Fvg, rimarca Belci, chiuderà un altro anno, il terzo di fila, sotto la soglia dei 500mila occupati, consolidando una perdita di oltre 25mila posti rispetto ai dati pre-crisi. «Questo – commenta ancora il segretario – è un dato che ci preoccupa sia in termini assoluti, ma soprattutto in relazione a come sta mutando la composizione demografica del nostro mercato del lavoro: un mercato del lavoro che invecchia a passi da gigante, se è vero come è vero che gli under 35 occupati sono oltre 45mila in meno rispetto al 2008. Se si confrontano occupati e residenti, si scopre che nella fascia 15-24 anni oggi lavora il 24% della popolazione, contro il 37% del 2008, e nella fascia 25-34 anni, la più indicativa perché meno condizionata dai percorsi scolastici, solo il 75%, contro l’87% del 2008».

L’effetto combinato della crisi e della legge Fornero, questa l’analisi Cgil, ha spostato drammaticamente in avanti l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. «Con la conseguenza che cresce il numero di persone senza lavoro, senza reddito e non impegnati in percorsi di istruzione o formazione, i cosiddetti Neet, e che le fondamenta del nostro welfare, a partire dal sistema previdenziale, appaiono più deboli, a dispetto di chi le voleva consolidare a colpi di rigore e di aumenti insostenibili dell’età pensionabile. Rischia così di tornare a fermarsi non solo l’occupazione, ma anche quel volano demografico che aveva cominciato lentamente a ripartire, grazie soprattutto alla spinta degli immigrati, il cui apporto è stato negli ultimi vent’anni uno dei principali fattori si sviluppo economico e sociale, anche se in molti preferiscono dimenticarsente».

In questi numeri, per Belci, la migliore dimostrazione che «cambiare la legge Fornero è una delle grandi priorità di questo Paese, come chiedono con insistenza Cgil, Cisl e Uil a tutti i livelli, nell’ambito di una mobilitazione che per il sindacato è la madre di tutte le battaglie». Ma i dati, per Belci, devono essere anche uno stimolo per la Giunta, chiamata a intensificare gli sforzi a sostegno della ripresa. «Se è vero che il 2015 ha dato segnali importanti su questo versante, dal Rilancimpresa fino al ruolo svolto dalla Giunta in tante vertenze aziendali, dobbiamo essere consapevoli di essere ancora alla metà del guado, evitando di interpretare con un ingiustificato eccesso di ottimismo i segnali che arrivano dal mercato del lavoro». Un analogo sforzo, per Belci, dovrà essere fatto «per portare al traguardo quel percorso riformatore che ha nella sanità e nel riordino degli enti locali i suoi banchi di prova più importanti, e che vivrà nel 2016 la sua fase cruciale, fondamentale per tracciare un bilancio delle politiche di questa Giunta».

IL VOTO AL GOVERNO REGIONALE. «La Giunta regionale merita la sufficienza, avendo operato in maniera incisiva rispetto alle politiche sul lavoro del governo che sono, invece, politiche di centrodestra. Diversamente da quanto accaduto a livello nazionale, qui abbiamo discusso le politiche assieme», ha aggiunto Belci, che ha promosso anche la riforma regionale della sanità, «nonostante vada avanti con molta fatica e sebbene si debba continuare a presidiarla soprattutto sul versante delle nuove assunzioni, che noi rivendichiamo con forza, dato che la situazione di carenza del personale infermieristico è ancora tutta da risolvere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento