Il coronavirus mette in crisi anche il commercio automobilistico friulano

Giorgio Sina, di Confcommercio auto: «Fatturati in picchiata causa Covid-19, servono gli incentivi per il rinnovo dei veicoli con più di 10 anni»

Immagine d'archivio

Il coronavirus, oltre a tanti altri comparti strategici per l'economia, sta mettendo in ginocchio anche il settore auto. Giorgio Sina, presidente regionale e provinciale di Udine del gruppo Auto Moto Ricambi, rende noto il dato delle immatricolazioni di marzo in Friuli Venezia Giulia: -86,6%, con la punta del -89,2% di Udine.

Le vendite

Da gennaio a marzo, inoltre, le vendite sono calate del 41%, una percentuale superiore al -35,5% italiano. «Una situazione pesantissima – sottolinea Sina – e ad aprile andrà pure peggio vista la paralisi perdurante di larga parte delle attività produttive e della vita sociale».

I numeri

Il settore, un totale in Fvg di quasi 800 aziende e oltre 2.200 addetti secondo le elaborazioni del Centro studi della Camera di commercio Pordenone-Udine su dati Infocamere, ma che, se si tiene conto pure di riparazione e commercio di parti e accessori, coinvolge 2mila imprese e 7mila collaboratori, precisa Sina, si aspetta una contrazione delle vendite a fine anno superiore al 50%. «Gli scenari possono essere ottimistici o pessimistici. Solo tra qualche mese – osserva il capogruppo – capiremo se tutti ce la potranno fare a ripartire o se, purtroppo, una parte di insegne si dovrà spegnere. Con conseguenze inevitabili sui posti di lavoro e il rischio licenziamenti, dato che in concessionaria alcuni costi sono incomprimibili».

Il Friuli Venezia Giulia

Nel caso del Fvg, il punto di riferimento è quello di fine 2019, quando si contarono 33.700 immatricolazioni, 2mila in meno rispetto al 2018. «Perdere anche solo un altro 40% significa scendere a quota 20mila – spiega ancora Sina –, ed è dunque indubbio che servirà una spunta forte per poter evitare una soglia così bassa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le proposte

La proposta rivolta alle istituzioni, oltre alla riapertura delle concessionarie – «Nei nostri saloni c’è l’assoluta garanzia del rispetto della distanza sociale e siamo naturalmente pronti ad adottare tutte le misure di sicurezza» –, è dunque di prevedere un’operazione incentivi per le rottamazioni, «la sola strada per poter salvare il mercato. La Regione Fvg ha già messo in campo incentivi sull’ibrido e sull’elettrico, che non possono però bastare in un momento emergenziale. Aggiunti alla scontistica sempre molto importante delle case, altri sostegni potranno contribuire al rinnovo di quel 45% del parco auto circolante in regione che ha mediamente più di 10 anni di vita». Nell’attesa, «le concessionarie stanno offrendo formule di vendita e consulenze in videochiamata e consegnano le auto a domicilio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Udinese-Parma 3:2 | Le pagelle: Pereyra il migliore, Nicolas fuori fase

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento