menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marchiori (Confcommercio): "No agli allarmismi sulla carne rossa"

Il presidente della confederazione regionale Fvg interviene dopo l'annuncio dell'Oms: "Macellai garanti della salubrità del prodotto"

«Quello che ci preoccupava maggiormente era l’effetto allarmismo. Prendiamo atto con soddisfazione che, all’annuncio dell’Oms, non è seguita una contrazione pesante sui consumi di carne rossa».

Alberto Marchiori, presidente di Confcommercio regionale, rilancia le posizioni espresse da Federcarni e Fida, «sindacati di categoria dell’associazione da sempre vicini ai consumatori sul fronte dell’educazione alimentare». Senza ovviamente entrare nel merito dell’aspetto scientifico della vicenda, il presidente di Confcommercio Fvg invita a «prendere, dell’informazione sull’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità, l’aspetto costruttivo: tutti gli abusi fanno male, ma qualità e moderatezza possono ulteriormente valorizzare la sana alimentazione. E non c’è dubbio che, come confermano le statistiche sulla longevità degli italiani, carne e salumi hanno sempre fatto parte a buon diritto della nostra cultura enogastronomica».

Tanto più in un Friuli Venezia Giulia «in cui l’approvvigionamento delle carni rosse da parte dei nostri macellai è strettamente territoriale. Macellai che sono, dopo l’intervento degli organi preposti, un’ulteriore garanzia di un controllo certo sulla salubrità, sia del prodotto che delle lavorazioni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento