Al lavoro obbligatoriamente anche di sabato, lavoratori in sciopero

La protesta alla Lima Corporate di Villanova di San Daniele

Il picchetto sindacale all'esterno della fabbrica (foto di Fabiano Venuti)

I lavoratori della LimaCorporate di Villanova di San Daniele incrociano le braccia per otto ore, contro la decisione unilaterale da parte dell’azienda di modificare l’orario di lavoro in alcuni reparti della produzione. "Questa azione aziendale – si legge in una nota unitaria di Fim Cisl e Fiom Cgil – interrompe una trattativa, che era quasi giunta al termine, e che vedeva sindacati e azienda separati solamente per quanto riguarda la parte economica". Riuniti in assemblea, i lavoratori, assieme alle organizzazioni sindacali, hanno approvato all’unanimità l’apertura dello stato di agitazione: si ritiene, infatti, incomprensibile l’atteggiamento di chiusura dell’azienda rispetto alla possibilità di compensare economicamente i lavoratori per il nuovo orario, che prevede le 40 ore spalmate su 6 giorni, compreso il sabato. Una chiusura assolutamente ingiustificata, tanto più se si considera l’andamento aziendale sempre positivo e frutto del lavoro ed impegno delle maestranze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

Torna su
UdineToday è in caricamento