menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassa integrazione e blocco licenziamenti salvano l’occupazione regionale: +0,4%

Fvg unica regione italiana con il segno “più” nel 2020 Indagine Ires Fvg su dati Istat

In Friuli Venezia Giulia nel 2020 il numero di occupati è stato pari in media a 513.600, in aumento di 2.100 unità rispetto al 2019 (+0,4%); la nostra è stata l’unica regione italiana a registrare una variazione positiva nello scorso anno. Nel Nordest il Veneto fa segnare un calo del -2,4%, l’Emilia Romagna del -2,1%, il Trentino Alto Adige del -2%. Lo rende noto il ricercatore dell’Ires Fvg Alessandro Russo che ha rielaborato dati Istat.
La media 2020 è la sintesi delle dinamiche trimestrali del mercato del lavoro, diversamente condizionate dall’emergenza sanitaria; in particolare il periodo tra marzo e maggio è stato quello maggiormente contrassegnato da un calo dell’occupazione, a cui ha fatto seguito una fase di recupero. L’adozione di nuove misure di restrizione dell’attività economica nel quarto trimestre 2020 ha infine rallentato la ripresa registrata. Gli ingenti interventi messi in campo dal Governo, a partire dalla Cassa integrazione fino al blocco dei licenziamenti, hanno notevolmente contribuito a limitare le ricadute negative sull'occupazione. Nell’intero 2020, infatti, in Fvg sono state autorizzate 69,3 milioni di ore di cassa integrazione guadagni, a cui si devono sommare 24,8 milioni di ore dei fondi di integrazione salariale (esclusi quelli gestiti dagli enti bilaterali), valori mai raggiunti in precedenza. Basti pensare che nel 2019 il numero totale di ore autorizzate in regione era di poco superiore a 5 milioni.
Bisogna infine considerare che anche le rilevazioni statistiche hanno risentito delle difficolta connesse all’emergenza sanitaria; sono state sviluppate azioni correttive che hanno comunque permesso di elaborare e diffondere i dati, ma è l’Istat stesso a sottolineare il carattere provvisorio delle stime presentate, che potranno subire revisioni sulla base di ulteriori analisi e della progressiva estensione e completamento delle informazioni disponibili. Si tratta pertanto di dati da considerare con una certa cautela.

Schermata 2021-03-12 alle 15.59.53-2

Meno lavoro indipendente

Nel confronto con il 2019 appare cresciuta solo l’occupazione dipendente a tempo indeterminato, anche in virtù del blocco dei licenziamenti che l’ha interessata, mentre è proseguita la contrazione della componente a tempo determinato e del lavoro indipendente (che comprende principalmente imprenditori, lavoratori autonomi e liberi professionisti), già in atto da tempo. Gli occupati indipendenti in regione nel 2020 erano meno di 97.000, negli ultimi 5 anni il loro numero è diminuito di quasi il 10%. A livello territoriale solo la provincia di Trieste presenta un deciso incremento, mentre nel resto della regione le variazioni sono di modesta entità. Si può inoltre osservare che sono aumentate solo l’occupazione femminile e quella part-time, mentre i rapporti a tempo pieno risultano stabili. Per quanto concerne infine i settori, l’incremento registrato nell’ambito del manifatturiero ha compensato le pesanti diminuzioni osservate nel comparto dei servizi, quello maggiormente penalizzato dalla pandemia.

Il tasso di disoccupazione è inferiore al 6%

Il numero di persone in cerca di occupazione in Fvg nel 2020 era di poco inferiore a 31.000, in calo di 2.600 unità rispetto all’anno precedente. Il tasso di disoccupazione regionale, nella media dell’anno, è risultato pari al 5,6% (contro il 6,1% del 2019), ma per la componente femminile si attestava al 7,4%. Bisogna comunque considerare che le limitazioni legate al periodo di lockdown hanno per mesi reso molto difficile, se non quasi impossibile, la ricerca di un’occupazione, per effetto dei maggiori carichi familiari (soprattutto per le donne con figli, a seguito della chiusura delle scuole), delle forti restrizioni agli spostamenti, del blocco dell’attività di molti settori produttivi.
A conferma del calo della disoccupazione rilevato, nel 2020 risultano in diminuzione su base annua anche le domande di prestazione NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego), che in regione sono passate da 39.545 a 38.221 (-3,3%, in linea con il -3,5% registrato a livello nazionale. La fonte è l’Inps). Si ricorda che la NASpI è una prestazione erogata a favore dei lavoratori dipendenti che abbiano perso involontariamente l'occupazione. La NASpI riguarda tutti i lavoratori dipendenti ad eccezione degli operai agricoli (per i quali è prevista un’altra specifica tutela) e i lavoratori a tempo indeterminato della Pubblica Amministrazione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chi può prenotare il vaccino? L'elenco completo delle categorie

Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento