Economia

Iva sui corsi per conseguire la patente: no all’applicazione e no alla retroattività

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

In merito all’applicazione dell’IVA sui corsi tenuti dalle autoscuole per il conseguimento della patente B e C1, sancita dalla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 2 settembre – a sua volta in attuazione di una sentenza della Corte di Giustizia dell’UE – Federconsumatori esprime tutta la propria contrarietà, e in modo ancora più forte sull’applicazione retroattiva ai contratti stipulati fino a 5 anni fa. La patente per la guida di autovetture, infatti, è ormai diventata un elemento indispensabile nel curriculum di una persona che cerca lavoro, al pari della formazione scolastica alla quale l’IVA non viene applicata, e pertanto deve essere assoggettata al medesimo regime fiscale. Assurdo, poi, chiedere l’IVA per i contratti stipulati fino a 5 anni fa, quando nessuna delle parti era a conoscenza di questo onere. Federconsumatori si adopererà affinché sia rimossa questa palese ingiustizia che finirebbe per colpire, ancora una volta, le tasche dei cittadini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iva sui corsi per conseguire la patente: no all’applicazione e no alla retroattività

UdineToday è in caricamento