Il probiotico Turval alla conquista del Brasile

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

La qualità friulana arriva oltreoceano e più precisamente a Juiz de Fora, in Brasile. I laboratori Turval, realtà insediata dal 2005 al Parco Scientifico e Tecnologico di Udine, sono stati invitati a partecipare dal 14 al 16 luglio alla Minas Láctea 2015, la più grande fiera del Brasile in tema di latte e derivati.
Quest'anno per la prima volta è stato organizzato Inovalácteos, uno spazio dedicato all'interazione tra comunità scientifica e imprese che operano nel settore lattiero-caseario. L'Agenzia di Innovazione Polo del Latte, organizzatrice dell'evento ha selezionato solo tre aziende, tra cui la Turval, unica impresa non brasiliana, a presentare le loro innovazioni davanti ai migliori esperti del settore.
L'invito è stato preceduto da un articolo apparso a marzo sul portale brasiliano Milkpoint, molto seguito dagli addetti del settore, in cui Adriane Elisabete Antunes de Moraes, uno dei maggiori esperti in Brasile nello studio dei probiotici, prefigurava che d'ora in avanti il futuro dei probiotici sarà dei lieviti lattici, portando come esempio di innovazione proprio il principio attivo utilizzato nel Turval B0399.
Per l'impresa friulana, Paola Lovrovich presenterà il Lievito Lattico Probiotico® Turval B0399® (Kluyveromyces marxianus fragilis B0399) e le sue potenziali applicazioni nell'alimentazione umana. Il principio attivo TURVAL B0399 è un probiotico che non altera il gusto dello yogurt, composto da lievito lattico e non dai comuni bifido batteri o fermenti lattici, il che garantisce allo yogurt di mantenere l'equilibrio ed il rispetto della propria flora batterica intestinale anche durante un'eventuale terapia antibiotica, costituendo una grande innovazione nel settore dei probiotici.
"Questo invito di partecipazione che arriva dal Brasile ci fa particolarmente piacere - aggiunge Alessandro Turello amministratore dei laboratori TURVAL - in quanto apre nuove opportunità di collaborazioni scientifiche ed è un occasione per riavviare le esportazioni verso il MERCOSUR, il mercato comune del sud america, che con la crisi del peso argentino di diversi anni fa, si erano completamente interrotte."
La partecipazione a Inovalácteos è un'ulteriore traguardo che la Turval ha raggiunto nel corso degli ultimi anni. Lo scorso maggio a Novi Sad, Serbia, ha ricevuto il primo premio all'82° edizione della Fiera Agricola Internazionale nella categoria prodotti lattiero-caseari e ad aprile è stata tra i vincitori del bando Joint Project dell'Università di Verona che ha premiato i progetti di ricerca collaborativa tra imprese e ricercatori.

Torna su
UdineToday è in caricamento