menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Riboli

Marco Riboli

Idealservice sigla accordo vincolante con Iren Ambiente

Per la cooperativa friulana si aprono nuove opportunità di sviluppo del business legato ai servizi ambientali

Idealservice, società cooperativa con sede a Pasian di Prato e diretta da giugno 2019 dal nuovo Presidente Marco Riboli,  ha siglato ieri un importante accordo vincolante con Iren Ambiente, società del Gruppo Iren attiva nella gestione integrata dei rifiuti. L’Accordo prevede: l’acquisizione da parte di Iren dell’80% del capitale sociale di I.Blu, previa cessione da I.blu a Idealservice del ramo di azienda relativo agli impianti multimateriale (otto impianti di selezione rifiuti in Italia che Idealservice gestirà direttamente); la definizione di un accordo quadro tra Idealservice e Iren avente ad oggetto la subfornitura di eventuali ed ulteriori impianti multimateriale di I.Blu ed Iren; la definizione di una partnership con Iren per la gestione dei servizi di raccolta di rifiuti solidi urbani in Italia, con la finalità di creare sinergie ed efficienze di progetto.

L’operazione, che ha visto dialogare la prima cooperativa del Friuli-Venezia Giulia per volume d’affari con una delle più importanti multiutility a livello nazionale, apre nuove opportunità di sviluppo e crescita sotto diversi aspetti, così come spiega il Presidente di Idealservice e I.Blu Marco Riboli: “Nel corso degli anni Idealservice ha saputo affrontare con successo le sfide poste dal mercato anticipando quelli che potevano essere i cambiamenti di scenario. Ciò che accade oggi, con la stipula dell’accordo con Iren, rappresenta un ulteriore passo per la crescita della Cooperativa. Abbiamo individuato in Iren un operatore di primaria rilevanza a livello nazionale con cui condividere il progetto I.Blu. Siamo certi che questa operazione possa portare a I.Blu notevoli vantaggi in termini di sviluppo e accelerazione, grazie agli apporti finanziari necessari a sostenere gli investimenti strumentali utili allo sviluppo e all’espansione della propria attività imprenditoriale. Idealservice continuerà a giocare un ruolo centrale nella nuova società, detenendo il 20% del capitale e diventando partner strategico di Iren per sviluppare nuove sinergie nel settore dei servizi ambientali”.

Se per quanto riguarda la valorizzazione e il riciclo degli imballaggi plastici per conto del Consorzio Nazionale Corepla, Idealservice trova in Iren un partner d'eccellenza con cui perseguire l'obiettivo, per ciò che concerne invece la raccolta e la selezione dei rifiuti urbani, Idealservice, grazie a questa operazione, consoliderà all’interno della Cooperativa la gestione di 8 impianti multimateriale (6 che rientrano nuovamente nel perimetro aziendale più 2 nuovi). I committenti potranno contare su un servizio completo, che va dalla fase di raccolta del rifiuto sul territorio al trasporto, fino alle fasi di preselezione, cernita e valorizzazione negli appositi impianti.

Nel contesto di tale operazione societaria, Idealservice stringe una vera e propria partnership commerciale e industriale a lungo termine con la multiutility nel settore delle raccolte dei rifiuti urbani, in particolar modo per quanto riguarda i territori della Liguria, Piemonte, Valle D’Aosta, Emilia-Romagna, Toscana e Sardegna.

Marco Riboli evidenzia come l’intera operazione rafforzerà la solidità patrimoniale, economica e finanziaria della Cooperativa: “Idealservice, dopo questa operazione, riduce il proprio debito di 36 milioni ed aumenta il patrimonio netto di 6 milioni, raggiungendo quindi un patrimonio netto di 56 milioni ed azzerando l’intero debito bancario. Inoltre, attraverso questo accordo, Idealservice continuerà a crescere e sviluppare nuove opportunità di lavoro nel settore dei servizi ambientali”.
 
“Questa operazione - ha dichiarato il Presidente di Iren Renato Boero – permette a Iren di divenire leader nazionale nella selezione delle plastiche Corepla e nel trattamento del plasmix, un processo di recupero delle plastiche di scarto che aumenta considerevolmente la percentuale di rifiuti recuperati come materia. In questo modo, prosegue e assume nuove e importanti prospettive il contributo che il nostro Gruppo è in grado portare alla sostenibilità ambientale attraverso il corretto e intelligente uso delle risorse. Una sfida alla quale ogni cittadino è quotidianamente chiamato e che vede sempre più protagonista una realtà consolidata come Iren”.

“L’acquisizione di I.Blu, società con significative competenze tecnologiche, - ha dichiarato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Iren - consente di accelerare lo sviluppo impiantistico di Iren e ne rafforza il percorso di crescita nel settore ambientale, dove il Gruppo punta ad incrementare del 60% i rifiuti trattati in impianti di proprietà ed a chiudere, con la produzione di materie prime e seconde, l’intero ciclo dei rifiuti perseguendo i principi dell’economia circolare”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
  • Economia

    Mercato dell'auto, male il primo quadrimestre 2021

  • Incidenti stradali

    Schianto a Osoppo, gravissima una giovane del posto

  • Cinema

    C'è anche un'attrice friulana nella super produzione The house of Gucci di Ridley Scott

  • Cronaca

    Carnia, si fa un taglio alla testa con la motosega

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento