Economia

Hypo Bank, incontro al Mise. First Cisl: «Le Istituzioni di questo Paese intervengano»

Giulio Romani, segretario generale del sindacato: «L'unica ipotesi percorribile è quella che il Governo e Bankitalia sospendano la procedura di vendita dei soli asset in attivo»

«Ora le Istituzioni di questo Paese intervengano, assumendosi le proprie responsabilità e scongiurando il licenziamento di 300 lavoratori». Ad affermarlo in una nota ufficiale è Giulio Romani, Segretario Generale First Cisl che ha commentato l’esito dell’incontro avvenuto oggi al Mise tra i Sindacati e Hypo Bank.

«Il fatto che la Banca si sia presentata al tavolo annunciando di aver ceduto 7 sportelli e l'intero pacchetto mutui alla Banca Valsabbina – continua Romani – la dice lunga sulle intenzioni dell’azienda di realizzare, il realizzabile, abbandonando i dipendenti al proprio destino e pregiudicando ogni possibilità di trovare una via d’uscita».

SERRACCHIANI: «L'AUSTRIA DIA SPIEGAZIONI E SOLUZIONI»

«A questo punto – conclude Romani – l’unica ipotesi percorribile è quella che il Governo e Bankitalia sospendano la procedura di vendita dei soli asset in attivo per garantire l’integrità della banca e, di concerto con MEF e Istituzioni locali, individuino un acquirente interessato al rilancio della stessa».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hypo Bank, incontro al Mise. First Cisl: «Le Istituzioni di questo Paese intervengano»

UdineToday è in caricamento