menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoro: in Fvg il più alto tasso di disoccupazione del Nord Est

In Regione gli occupati sono calati di 1.900 unità dal 2014 al 2015. Lo sostiene l'Ires Fvg, che ha rielaborato i dati Istat

Nei primi nove mesi del 2015 il numero di occupati in Friuli Venezia Giulia si attesta in media a 496.100 unità, 1.900 in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (-0,4%). Il dato regionale è in controtendenza rispetto alla crescita registrata a livello nazionale (+0,8% e 186.500 unità in più), mentre a livello di Nordest l’occupazione risulta sostanzialmente stabile (-0,1%). La rilevazione è del ricercatore dell’Ires Fvg Alessandro Russo su dati Istat. «Nel confronto tendenziale – spiega Russo –, tra i primi 9 mesi del 2014 e del 2015 il livello medio dell’occupazione è più basso. Però è anche vero che a partire dalla fine del 2014 di trimestre in trimestre il numero di occupati sta risalendo; se questa tendenza fosse confermata anche negli ultimi mesi il bilancio finale del 2015 sarebbe positivo». 

Tabella1-3

L’andamento negativo ha riguardato esclusivamente la componente femminile, che presenta il saldo peggiore nei primi sei mesi dell’anno (-1,3%), mentre risulta in leggera crescita l’occupazione maschile (+0,3%). 

Tabella2-2

Per quanto riguarda i settori, l’occupazione si conferma in calo nell’industria (-1.500 occupati nella media dei primi nove mesi dell’anno), nell’edilizia (-3.800), nel comparto che comprende commercio, alberghi e ristoranti (-3.400). Risulta in crescita solo nel terziario (+6.500 unità), sostanzialmente stabile il dato dell’agricoltura.

Tabella3-2

Il numero di persone in cerca di occupazione nei 2015 si attesta in media a circa 45.200 unità, contro le 40.500 rilevate nei primi nove mesi del 2014 (+4.700 pari a +11,6%). 

Tabella4-2

Il tasso di disoccupazione del Friuli Venezia Giulia nel 2015 risulta pari all’8,4% nei primi tre trimestri dell’anno, contro il 7,5% dello stesso periodo del 2014; quello femminile supera il 10%.

Tabella5-2

Il Friuli Venezia Giulia presenta inoltre il maggiore tasso di disoccupazione tra le regioni del Nordest, comunque decisamente inferiore a quello nazionale, pari in media all’11,9% (in discesa rispetto al 2014 quando superava il 12%).

Tabella6-2

Secondo Russo, «i segnali di inversione di tendenza, che pure sembrano consolidarsi a livello nazionale, stando ai dati rilevati dall’Istat tardano a tradursi in un incremento dell’occupazione anche nella nostra regione. Occorre comunque tenere presente che, se si considerano le variazioni congiunturali, a partire dal IV trimestre del 2014 (quando si è toccato il livello più basso dal 2007 con meno di 486.000 unità), il numero di occupati è progressivamente aumentato in Friuli Venezia Giulia, arrivando a sfiorare le 500.000 unità nell’ultimo trimestre. Se tale tendenza venisse confermata anche negli ultimi tre mesi, il bilancio finale del 2015 potrebbe essere complessivamente positivo e segnare un moderato recupero rispetto all’ultimo biennio 2013-2014 in cui l’occupazione è rimasta ferma in media attorno a 495.000 occupati. In ogni caso il livello medio dell’occupazione non ritornerebbe ai valori registrati prima del 2013 (sopra le 500.000 unità). Questo scenario potrebbe essere confermato anche dalla notevole crescita delle nuove assunzioni a tempo indeterminato in Friuli Venezia Giulia nei primi dieci mesi dell’anno (+78%, l’aumento percentuale più elevato in Italia) a cui si deve aggiungere anche un incremento delle stabilizzazioni dei rapporti di lavoro (ossia delle trasformazioni da tempo determinato a indeterminato)».

Tabella7-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento