Economia

Franz: "La giunta ha puntato da subito su centro pedonale, arredo urbano e ciclabili"

L'assessore al commercio è intervenuto a un convegno in Regione con categorie economiche e sigle sindacali

Arginare lo strapotere della rete. Contenere la dirompenza di Amazon e la deriva della deregulation. Valorizzare il ruolo sociale, prima ancora che economico, del commercio al dettaglio. Sono questi alcuni degli spunti principali emersi questa mattina nell'Auditorium regionale di via Sabbadini a Udine nel corso di un incontro organizzato dall’Assessore regionale al Commercio Sergio Emidio Bini, alla presenza di categorie economiche, sigle sindacali e amministrazioni locali, sui quali l'assessore comunale Maurizio Franz ha posto l'accento, declinando il tema del commercio in chiave udinese, prendendo la parola come relatore.
 
"L'incontro di oggi – spiega Franz – ha consentito di entrare nel merito dei contenuti della legge regionale SviluppoImpresa, rispetto alla quale esprimo una valutazione molto positiva. Al netto di ogni altra considerazione, a me interessa valutare gli effetti che la legge produce per la città, per i commercianti e per i cittadini".  
Ancora Franz: "Inutile e antistorico ostinarsi a combattere battaglie di retroguardia. Il Covid ha definitivamente assegnato alla rete un ruolo molto forte, innescando e, anzi, accelerando un processo irreversibile. Noi abbiamo delle frecce nella nostra faretra e dobbiamo mirare bene per essere efficaci".
 
Franz ricorda che "questa giunta, sin dal suo insediamento, ha puntato con decisione e lungimiranza sulla pedonalizzazione del centro e sull'arredo urbano. Per la valorizzazione del centro sono stati investiti due milioni e 100mila euro tra via Mercatovecchio (un milione e mezzo) e piazzetta Marconi (600mila euro). Importante ricordare l’impegno di questa amministrazione rispetto allo smaltimento del traffico dal centro cittadino: a questo proposito, penso al BiciPlan, progetto finalizzato a mettere in rete tutte le piste ciclabili della città e quelle della periferia (per un circuito che, nel suo complesso, copre 170 chilometri circa): serve a incentivare le persone a sostituire il volante dell’automobile con il manubrio della bicicletta, con evidenti benefici sia in termini ambientali che di stress”.
 

Chiude Franz: “La legge regionale contempla incentivi preziosi che invito a leggere con attenzione. Ricordo che Udine, anche su questo fronte, non si limita agli assoli, ma gioca anche un ruolo centrale nel distretto del Commercio con i Comuni di Tricesimo, Reana del Rojale e Tavagnacco per allestire un’offerta commerciale completa e coerente a livello territoriale”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Franz: "La giunta ha puntato da subito su centro pedonale, arredo urbano e ciclabili"

UdineToday è in caricamento