menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pagamenti della pubblica amministrazione, in Fvg ritardi per circa un miliardo di euro

Lo ha stabilito il rapporto elaborato dal centro studi 'Impresa Lavoro' con costi a carico delle imprese che possono arrivare fino a 90 milioni all'anno

Il ritardo dei pagamenti ai fornitori della PA ha finora determinato un costo del capitale a carico delle imprese italiane di oltre 6 miliardi di euro all’anno, pari a quasi 30 miliardi nel periodo 2009-2013. Il dato emerge da una ricerca (scaricabile interamente dal sito www.impresalavoro.org) realizzata dal centro studi di ispirazione liberale “ImpresaLavoro” di Udine, promosso dall'imprenditore Massimo Blasoni e il cui board scientifico è presieduto dal professor Giuseppe Pennisi (economista, consigliere del Cnel e docente all'Università Europea di Roma, già Banca Mondiale e dirigente generale dei Ministeri del Bilancio e del Lavoro).

Lo studio sottolinea come ci si debba accontentare in questo campo di una stima prudenziale, dal momento che le stesse amministrazioni pubbliche non dispongono di una sistematica e organizzata documentazione sui crediti dei propri fornitori e sulle fatture associate, a causa delle insufficienze nei sistemi di contabilizzazione delle transazioni. Le stime sulla dimensione del fenomeno si sono basate sull’impiego di metodologie statistiche e di indagini campionarie. 

Secondo le stime prudenziali di “ImpresaLavoro”, l’ammontare per il 2013 è di circa 74,2 miliardi di euro, pari a circa il 4,8% del PIL. Lo stock di debito commerciale della nostra PA risulta in calo: nel 2010, esso aveva toccato la cifra record di 87,3 miliardi di euro, pari al 5,5% del PIL. La diminuzione dello stock è dovuta alla riduzione della spesa pubblica relativa all’acquisto di beni e servizi, nonché dei tempi di pagamento concordati con i fornitori. Non è quindi diminuito il ritardo medio nel pagamento delle fatture.

La ricerca di "ImpresaLavoro" rivela come, a livello europeo, sia in termini nominali che relativi, l’Italia risulti essere il Paese col maggiore stock di debito. Già dal 2010, ha infatti il peggior rapporto tra debiti commerciali e PIL, superando tanto la Spagna quanto la Grecia, le uniche in Europa (a parte l’Italia) a superare il 3% in questo rapporto. Per un'impresa italiana che lavora con PA, l'incidenza di questi costi sulla singola fornitura risulta così pari al 4,2%: un dato circa 4 volte superiore a quello sostenuto da un'impresa francese (1,2%) e circa 7 volte superiore a quello sostenuto da un'impresa tedesca (0,6%). 


Nota sul Friuli Venezia Giulia

Tutti i dati citati dalla ricerca si riferiscono alla dimensione nazionale della spesa pubblica e dei ritardi nei pagamenti.Isolare il dato di una singola regione non è semplice. Tuttavia incrociando i dati relativi alla spesa pubblica in Friuli Venezia Giulia (che l'Istat certifica essere il 2,5% del totale di quella nazionale) e i ritardi medi di pagamento delle amministrazioni regionali (sensibilmente inferiori a quelli nazionali e contenuti, secondo Assobiomedica, in 90 giorni complessivi) il debito commerciale delle Pubbliche Amministrazioni friulane verso imprese private è stimato in 1 miliardo di euro, con costi a carico delle imprese che possono arrivare fino a 90 milioni all'anno.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento