menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi: "il 2013 non è stato l'anno della svolta, male anche il 2014"

Conferenza di inizio anno a palazzo Torriani. Tonon: "Non c'è stata l'uscita dalla recessione. Bisogna puntare sul manifatturiero. Nel 2014 in Fvg crescita dell'1 per cento"

"Il 2013 non è stato l'anno della svolta. Gli indicatori attestano l'uscita dalla recessione, ma il recupero, rispetto ai livelli pre-crisi, è ancora lento e non lineare. Per la prima volta, però, intravediamo una stabilizzazione; il 2014 deve essere il ‘nuovo campo base’ su cui ricostruire il nostro sistema industriale e manifatturiero". È il messaggio di fiducia che il presidente di Confindustria Udine Matteo Tonon ha affidato alla conferenza stampa di ‘inizio anno’ svoltasi a Palazzo Torriani. L'appuntamento è stato anche l'occasione per un'analisi della situazione economica nazionale e locale, e per individuare le azioni più appropriate dirette a rappresentare le esigenze e le prospettive del sistema industriale friulano.
 
La flessione dell'attività economica che ha caratterizzato la seconda recessione dovrebbe arrestarsi nel 2014 anche nella nostra regione, pur permanendo i riflessi negativi sul mercato del lavoro. L'economia del Friuli Venezia Giulia dovrebbe crescere dell'1% nel 2014, sulla base delle stime di Unioncamere-Prometeia, dopo il -1,2% del 2013. Secondo le previsioni, l'industria dovrebbe crescere dello 0,7%, l'agricoltura dello 0,1%, i servizi dell'1,1%, mentre le costruzioni rallenteranno la flessione (-0,4%). Il valore della produzione industriale in provincia di Udine, fatto 100 nel periodo pre-crisi, si è attestato nel 2013 a 76,5 punti, poco al di sopra di quei 75 punti che sono stati il punto più basso nel 2008.
 

“Ecco perché è "doppiamente necessario, a ogni livello, continuare ad affermare con forza il valore e la centralità del manifatturiero - ha avvertito Tonon -, il quale per svilupparsi è obbligato a intercettare nuovi flussi di domanda dai Paesi extraeuropei. Il mercato domestico e quello europeo continuano infatti a mostrare indici di instabilità. Da qui la necessità di agganciare nuovi mercati, impresa non facile considerando il tasso di cambio che non rende competitive le nostre imprese".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento