Agroalimentare, nuovo corso per formare operatori specializzati

L'attività didattica durerò tre anni, e sarà organizzata dal Cefap di Codroipo. Il progeto, dedicato ai ragazzi dai 14 ai 17 anni, risponde a spechifiche esigenze delle aziende, che cercano figure qualificate in questo ambito

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Un nuovo corso per diventare operatore della trasformazione agroalimentare. Con ottime opportunità di trovare occupazione nelle aziende della filiera. È quello organizzato dal Cefap di Codroipo che, in collaborazione con il Parco Agroalimentare di San Daniele, ha voluto monitorare e ascoltare prima le reali esigenze delle imprese per poi studiare una proposta formativa su misura per il mercato del lavoro del settore. Questo, con il supporto anche delle ricerche sui fabbisogni formativi e occupazionali condotte dalla Cciaa di Udine nell'ambito del Polo formativo agroalimentare, di cui Cefap è capofila.

Una figura professionale che manca, dunque, e che sono le aziende stesse a richiedere, come confermato alla presentazione, avvenuta questa mattina nella sede di Friuli Future Forum a Udine, dal responsabile di produzione di Dall’Ava Ismaele Simeoni. «L’azienda – ha detto Simeoni – ha bisogno di personale già formato in modo continuativo, che poi possa agevolmente inserirsi e crescere in azienda, e avere le conoscenze di base che gli consentano di perfezionarsi una volta al lavoro, ma già con un solido punto di partenza». Il corso, come ha precisato il direttore del Cefap Massimo Marino, è dedicato ai giovani dai 14 ai 17 anni e partirà in settembre. Punta a dare una formazione culturale generale e conoscenze specifiche sulle diverse filiere dell’agroalimentare, dal latte e dai formaggi ai dolci fino alla carne, e ha una durata di tre annualità: le iscrizioni sono già aperte e lo resteranno fino all’estate.

Si punta a partire con una quindicina di allievi, fino a un massimo di 18. Il percorso avrà 1.056 ore annue. Ben 400 sul triennio saranno di stage in azienda e davvero le imprese saranno chiamate in modo attivo a interagire nella formazione dei ragazzi, anche con visite formative e possibilità di tirocini estivi. Al termine dei tre anni, i ragazzi potranno acquisire una qualifica regionale riconosciuta a livello europeo. Il corso è rivolto ai giovani usciti dalla Scuola del I media, con età inferiore a 18 anni. Il profilo è quello di “Addetto alle lavorazioni in filiere agroalimentari”. Il Cefap, come puntualizzato da Marino, punta ancora più in alto. «Vorremmo attivare poi anche un 4° anno, per consentire ai ragazzi di conseguire un diploma professionale per Tecnico della trasformazione agroalimentare”», ha detto.

Il corso è gratuito, grazie al sostegno della Regione al progetto, e le lezioni si terranno nella sede del Cefap di Codroipo (vicolo Resia 3) e nelle aziende. «Vogliamo lanciare un messaggio importante soprattutto alle famiglie – ha concluso Marino –. Proponiamo un percorso che ha alle spalle una forte e convinta presenza delle imprese, quindi con elevate garanzie per il futuro occupazionale dei ragazzi che vorranno sceglierlo».

La realtà dell’industria alimentare in Fvg conta 1.100 imprese, che concorrono per il 6,7% alla formazione del valore aggiunto dell’industria manifatturiera regionale. Di queste, un centinaio fanno parte del Parco agroalimentare, che occupa circa mille addetti e altri 700, indirettamente, nel suo indotto.

Torna su
UdineToday è in caricamento