Sabato, 18 Settembre 2021
Economia

Consorzio Agrario Fvg: il Cda da' il via al progetto Cai

Vendrame: "Ci difenderà dal punto di vista produttivo ed economico, mettendoci in condizione di competere con le multinazionali"

Una valutazione attenta e ponderata di obiettivi e vantaggi che il progetto nazionale Cai porta in dote al Consorzio agrario del Friuli Venezia Giulia. E’ quanto deciso dal consiglio di amministrazione della grande coop di Basiliano con l’approvazione della delibera che dà il via libera al progetto Cai “per analizzare in ogni aspetto possibile i pro e i contro, così da poter prendere infine una decisione ponderata. Prima in consiglio poi in assemblea dei soci, che è sovrana” spiega il presidente del Consorzio Gino Vendrame.

L’importante, per il presidente del consorzio, è che i soci siano nella condizione di fare una scelta a ragion veduta. «La paura provoca solo immobilismo e staticità, esattamente il contrario di quello che oggi serve alle nostre imprese chiamate a confrontarsi con la concorrenza di un mercato complesso dove agiscono anche realtà frutto di grandi aggregazioni. Per questo vogliamo pensare a un progetto di futuro per l’agricoltura italiana per garantire anche alle piccole e medie imprese agricole una centrale unica per l’acquisto di mezzi tecnici, gasolio e concimi, così da spuntare un miglior prezzo, strutturare filiere per riorganizzare le produzioni, sfruttare le strutture che già ci sono per lavorare anche il prodotti di altri, per essere in grado di proporci non solo in casa ma anche oltre confine».

Un vantaggio che per il presidente è particolarmente evidente nel caso del Friuli Venezia Giulia, trattandosi di una regione che di confini ne ha addirittura due. «Il progetto Cai ci difenderà dal punto di vista produttivo ed economico, mettendoci in condizione di non subire più gli attacchi delle multinazionali, ma di competere con loro. Saremo noi, in futuro, a proporre i nostri prodotti, servizi e mezzi tecnici anche fuori dall’Italia, perché il Fvg non è solo un corridoio di entrata per gli altri. E’ e deve essere sempre più, soprattutto, un corridoio di uscita per il nostro made in Italy». Il percorso di approfondimento potrà contare su tutto il tempo necessario. Vendrame garantisce: «Vogliamo fare le cose con passi sicuri, perché deve essere una decisione convinta e consapevole”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio Agrario Fvg: il Cda da' il via al progetto Cai

UdineToday è in caricamento