menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confindustria: presentato il corso Progres sulla sicurezza

Un percorso realizzato con l'Università di Udine in partenza ad ottobre 2013. Un corso sulla prevenzione nelle aziende, passando attraverso tutti gli aspetti. Luci: "Farsi male sul lavoro è inammissibile"

Presentato il corso di aggiornamento e perfezionamento “Progres” - Promozione, Organizzazione e Gestione Responsabile ed Etica della Sicurezza promosso dall’Università degli Studi di Udine. Il corso, che si svolgerà da ottobre 2013 a marzo 2014 e aperto fino ad un numero massimo di 35 partecipanti, di cui 20 riservati ai vincitori della borsa di studio assegnata da Confindustria Udine, intende offrire conoscenze specialistica ed approfondita degli aspetti giuridico-istituzionali, economico-gestionale-organizzativi, medico-sanitari, nonché politecnici per migliorare le conoscenze, capacità e competenze conformi ai più recenti sviluppi delle prevenzione integrata negli ambienti di lavoro. L’iniziativa si rivolge ad addetti e responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, a dirigenti d’azienda (private e pubbliche) e a tutti coloro che intendono acquisire un profilo professionale capace di supportare e promuovere l’organizzazione di una gestione responsabile ed etica della sicurezza nelle diverse realtà private e pubbliche.
 
Nel fare gli onori di casa, il presidente di Confindustria Udine, Adriano Luci, ha ricordato come questo progetto parta da lontano, favorita dalla piena sintonia tra Associazione e Università di Udine per far fronte comune sulla prevenzione della sicurezza perché “è inimmaginabile farsi male per lavorare”. Luci ha evidenziato l’importanza “di essersi messi assieme per unire competenze di eccellenza e di averlo fatto sotto il cappello dell’etica. La sicurezza, infatti, oltre che culturale, è un fatto etico e su questi temi, anche dopo la fine del mio mandato di presidente, continuerò ad impegnarmi”.
 
Dal canto suo, il rettore dell’Università di Udine, Cristiana Compagno, ha sintetizzato l’esperienza e le competenze, “sedimentate e riconosciute” maturate dall’ateneo friulano sui temi della sicurezza, concretizzate tra l’altro alla costituzione, primi in Italia, del Centro di studi e di ricerche in materia di sicurezza e protezione intersettoriale, lo Sprint, con il quale è stata impressa un’azione coordinata di studi e di iniziative di alta formazione in tema di sicurezza e prevenzione con forte connotazione applicativa. “Con le imprese e gli imprenditori – ha aggiunto il rettore – c’è stato un grande scambio di energie e di competenze. Questa iniziativa ha il merito di affrontare il problema in termini culturali e multidisciplinari. L’uso dell’acronimo Progres per parlare di prevenzione non è casuale, anzi è pertinente. Dopo il terremoto del 1976 si parlava di “ricostruzione e sviluppo”, oggi, qui, parliamo di “sicurezza e competitività”.

 
Stefano Grimaz, direttore del corso di aggiornamento e perfezionamento Progres, ha quindi presentato nel dettaglio il corso che prevede cinque aree didattiche con altrettanti coordinatori: area giuridico-amministrativa, 32 ore (coordinatore: prof.ssa Valeria Filì); welfare relazionale, 28 ore (prof.ssa Marina Brollo), economico-organizzativa, 20 ore (prof.ssa Francesca Visintin), tecnico-gestionale, 24 ore (dott. Stefano Grimaz) e project works, 16 ore (dott. Gino Capellari).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento