menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cofcooperative Fvg: aumento dell'Iva, bene lo stop parlamentare

La presidente di Federsolidarietà Giuliana Colussi commenta la decisione di non aumentare l'Iva dal 4 al 10 per cento per le cooperative. "Metterebbe a rischio posti di lavoro, servizi e prestazioni sociali"

È soddisfatta Giuliana Colussi, presidente di Federsolidarietà Fvg – la Federazione che raggruppa le cooperative sociali aderenti a Confcooperative Fvg – per l’approvazione dell’ordine del giorno - primo firmatario il parlamentare friulano Giorgio Zanin - che ha chiesto al Governo di bloccare il previsto aumento dell’Iva sulle prestazioni di servizi socio sanitari ed educativi resi dalle cooperative sociali dal 4 al 10 per cento. Un voto favorevole che porta a un cauto ottimismo per una battaglia che vede le cooperative sociali di tutta Italia – nel solo Fvg, quelle aderenti a Confcooperative sono oltre 160 per circa 6.000 addetti e un fatturato di 176 milioni di euro – mobilitate di fronte al rischio di una vera e propria mannaia che potrebbe abbattersi sul welfare: la legge di stabilità 2013 approvata dallo Stato ha previsto che a partire dal prossimo anno passi dal 4 al 10 per cento l’aliquota Iva di asili, ospizi e Rsa, assistenza domiciliare, comunità per minori, centri per disabili, gestiti dalle cooperative sociali.

Su questo tipo di prestazioni l’aumento dell’Iva sarebbe quindi del 150 per cento! «Il risultato concreto delle misure contenute nella legge di stabilità sarebbe che gli enti locali, per far fronte all’aumento dell’Iva di 6 punti percentuali, con le medesime risorse del 2013, nel 2014 fornirebbero meno servizi sociali ai cittadini: si taglieranno i servizi di inclusione sociale proprio alle fasce più deboli della popolazione», è l’allarme lanciato da Colussi. L’Ordine del Giorno approvato alla Camera dei deputati, è giudicato da Federsolidarietà Fvg un passo positivo: «Da parte nostra intendiamo continuare a tenere alta l’attenzione su questo tema, sollecitando anche i Sindaci della nostra Regione finché il paventato aumento non sarà stato completamente eliminato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento