menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confcommercio regionale d'accordo con la Corte di Cassazione

Una recente sentenza della Suprema Corte obbliga tutti coloro che vendono olio motore a rispettare le normative previste a cui sono tenuti i gestori di impianti di carburante, le officine e tutte le attività collegate

“Finalmente giustizia”. Esprime la massima soddisfazione il gruppo Autoveicoli e motocicli, rivenditori, ricambi, demolitori di Confcommercio regionale dopo aver letto la sentenza della Cassazione sull’obbligo anche per la Coop Consumatori Nordest, e di conseguenza per tutte le attività che vendono olio per motori, di rispettare le normative a cui sono obbligati i gestori di impianti di carburante, le officine e tutte le attività collegate.

“Da tempo – dichiara Oscar Zorgniotti, capogruppo della categoria Autoveicoli e motocicli, rivenditori, ricambi, – abbiamo sollevato la questione sia a livello regionale che in giunta nazionale, in quanto per svolgere determinate attività dovevamo attrezzarci di determinate attrezzature. Altri, invece, pur facendo le stesse cose, non rispettavano certi obblighi. Finalmente abbiamo viste riconosciute le nostre perplessità. Non si tratta di una battaglia vinta contro qualcuno, ma semplicemente il riconoscimento che tutti devono sottostare alle regole del settore e di conseguenza lavorare nelle stesse condizioni di partenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento