Cma Robotics, 25 anni di successi festeggiati con la nuova apertura

Eccellenza della tecnologia mondiale, la società inaugura la sede a Pavia di Udine

È la società che vanta la più ampia gamma al mondo di robot per la verniciatura e si posiziona fra le 10 aziende più tecnologiche nel settore della verniciatura industriale di tutto il globo. È Cma Robotics Spa, società friulana nata in un magazzino in affitto nel 1993 da un’idea delle menti brillanti di Paolo Piano, Sergio Della Mea e Marco Zanor e che ora vanta la presenza consolidata in 60 paesi, una joint venture con la Cina, tre sedi (Italia, Germania e Cina), una felice collaborazione con università italiane e straniere. 25 anni di successi che tutto lo staff si accinge ora a celebrare inaugurando la nuova sede in zona industriale a Pavia di Udine con un evento privato il 2 marzo. 

I bracci meccanici che Cma Robotics crea sono robot antropomorfi che affiancano il lavoro manuale di verniciatura per precisione, abilità e sicurezza. Utilizzati nel settore industriale per la verniciatura di elementi in legno, metallo, plastica e ceramica, i robot vengono programmati anche per l’applicazione di vernici a polvere. Negli anni sono state sviluppate molte soluzioni innovative e adattabili a specifiche esigenze, non solo nell’aspetto meccanico: la tecnologia applicata ai robot è cresciuta di pari passo con l’evoluzione tecnica e ha portato Cma Robotics a diventare promotrice di vari programmi fra cui il self-teaching, una programmazione di auto-apprendimento che vede la macchina comprendere gesti e movimenti che le vengono “insegnati” dall’operatore per adeguarli successivamente alle necessità e alla velocità utili alla realizzazione del lavoro. L’addetto alla verniciatura quindi non è più a contatto diretto con le sostanze chimiche, ma svolge un’attività di controllo e gestione in un ambiente protetto

Il futuro sembra davvero essere già arrivato nel cuore del Friuli: la tecnologia studiata da CMA anche in collaborazione con comparti di ricerca universitaria di spessore, in primis quella con le  Università di Udine e Trieste, il National Robotics Engineering Center di Pittsburgh (Usa) e il Wuhu Hit Robot Technology Research Institute (Cina), parla di auto generazione di programmi con un sistema di visione artificiale che permette al robot di riconoscere forma, dimensioni e caratteristiche dell’elemento da verniciare, tanto da generare in autonomia la migliore gestione del lavoro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se pensiamo al domani - afferma Sergio Della Mea, titolare della società assieme a Marco Zanor – immaginiamo un utilizzo sempre più specifico della tecnologia applicata ai robot, tanto da permettere all’uomo di creare macchine capaci di comunicare fra loro. Quando tutto è cominciato nel 1993 io, Paolo e Marco abbiamo creduto nei nostri sogni e siamo riusciti a realizzarli. Paolo, nella sua prematura scomparsa, ci ha lasciato un’importante eredità che abbiamo portato avanti con orgoglio. Devo ringraziare la tenacia e la fiducia che hanno riposto in noi, non solo i dipendenti, i fornitori e i collaboratori, ma anche le aziende in tutto il mondo che hanno scelto e scelgono oggi noi friulani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Castions, la vittima era un ex calciatore

  • Scontro sulla Napoleonica, un morto tra Morsano e Castions

  • Aria salubre e sicura con la corretta manutenzione dei climatizzatori

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • «I comportamenti siano responsabili. Evitiamo il rischio di un nuovo “lockdown”»

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

Torna su
UdineToday è in caricamento