menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanni Da Pozzo

Giovanni Da Pozzo

La Camera di Commercio di Udine diventa partner del centro Ocse di Trento

Sarà “portavoce” dell’economia e del lavoro per tutto il Fvg. Da Pozzo: "L’azione si concentrerà soprattutto sui temi delle infrastrutture e della logistica, assieme allo sviluppo di strategie per il futuro dell’occupazione e dell’impresa"

La Camera di Commercio di Udine è partner del Centro Ocse di Trento, in rappresentanza del Fvg nella compagine che proprio da quest’anno si è ampliata, oltre alla Provincia autonoma di Trento, anche alla Regione Trentino Alto Adige, alla Provincia di Bolzano e alla Fondazione di Venezia.

E proprio oggi pomeriggio (martedì 1° dicembre) viene siglato ufficialmente al Ministero degli Esteri a Roma il memorandum tra Italia e Ocse,che rinnova l’esperienza del Centro di Trento e costituisce un ufficio satellite a Venezia, con questa recente apertura che vede dunque Udine, unica Camera di Commercio, insediarsi in una realtà d'eccellenza all’interno della prestigiosa organizzazione internazionale, per quanto riguarda i programmi Leed, ossia di sviluppo delle economie locali, delle imprese e dell’occupazione.

Il Centro Ocse di Trento­ è stato istituito nel 2003 dal Consiglio generale dell’Ocse, in cooperazione con il Governo italiano e la Provincia autonoma di Trento ed è parte integrante del Programma Ocse-Leed. Come spiega in una nota l’Ocse, «il Centro lavorerà con i ministeri e le agenzie nazionali responsabili della gestione dei fondi strutturali Ue per aumentare il loro impatto sull'occupazione e sull'economia nazionale» e nei prossimi cinque anni, «intraprenderà un programma ambizioso, in Italia e in altri Paesi Ocse, per migliorare l'efficacia dei programmi pubblici e delle strategie locali in settori quali lo sviluppo delle Pmi, l'occupazione e le competenze».

«Siamo orgogliosi di essere diventati partner della sede trentina, che pone tutto il Fvg al centro della discussione economica internazionale – commenta il presidente della Cciaa Udine Giovanni Da Pozzo, presente alla sigla a Roma –. La nostra partecipazione potrà portare beneficio a tutto Fvg per nuove proposte concrete di sviluppo. Reciprocamente, anche noi apporteremo al Centro una rappresentanza qualificata delle istanze, dirette e concrete, del mondo dell’economia e del lavoro che la nostra Cciaa rappresenta. In particolare opereremo sui temi delle infrastrutture e della logistica e sull’elaborazione di strategie e scenari per la crescita dell’occupazione e dell’impresa».

I temi portanti sviluppati dal Centro Ocse di Trento sono molteplici, ma il cuore dell’attività mira a prevenire l'esclusione dal mercato del lavoro e promuovere occupazione di qualità e l’imprenditorialità, puntando sulla creazione di una crescita “verde” e sullo sviluppo locale attraverso il turismo sostenibile. Gli obiettivi del Centro sono proprio sviluppare capacità per lo sviluppo locale nei Paesi membri e non-membri dell’Organizzazione (attualmente i 34 economicamente più vivaci). Fino a oggi, oltre 20 mila decisori politici, funzionari pubblici e operatori economici e dello sviluppo di 78 Paesi (membri e non membri Ocse) hanno partecipato ad attività organizzate dal Centro di Trento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento