menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pensionati artigiani: «Basta fare cassa con chi ha meno»

Lo sostiene Pietro Botti, presidente di Anap Confartigianato Fvg

“Non si può continuare a fare cassa con i pensionati metà dei quali percepisce una pensione inferiore ai 1.000 euro al mese ed oltre 2 milioni di essi hanno una pensione inferiore ai 500 euro”. Lo ha detto, intervenendo oggi a Trieste, il presidente dell’Anap di Confartigianato Fvg  Pietro Botti a un convegno dell’Anap sulla legge di stabilità e sulle ventilata riforma delle pensioni di reversibilità. “Accanirsi ancora una volta – ha aggiunto Botti detto alla presenza del presidente nazionale Giampaolo Palazzi e del  segretario nazionale Anap Fabio Menicacci, del presidente di Confartigianato Fvg Graziano Tilatti, del  vice presidente Anap Giuseppe Spartà, e dei presidente di Pordenone Ennio Puppi e di Gorizia Alcide Bidut - colpendo i diritti acquisiti che sono stati pagati con anni di contribuzione per problemi di equilibrio di bilancio dei conti, rappresenta secondo noi un’inaccettabile ingiustizia sociale”.

Al convegno, che si è svolto nella sede di Confartigianato in Strada delle Saline, 30 a Muggia, è intervenuto anche il presidente nazionale: “Sono state insufficienti le rassicurazioni del ministro Poletti sul futuro delle pensioni di reversibilità e chiediamo che il Governo chiarisca fino in fondo le sue intenzioni.  La nostra organizzazione riceve quotidianamente decine di telefonate e lettere da iscritti preoccupati che chiedono informazioni su cosa contiene il provvedimento di legge e quali potranno essere le conseguenze per loro. Alla luce di tutto ciò – ha aggiunto Menicacci - mentre dichiariamo la nostra contrarietà a un eventuale stravolgimento dell’istituto della reversibilità, che è una norma di carattere previdenziale e, come tale, un diritto che si matura con la contribuzione, sollecitiamo il Governo a chiarire i nodi più controversi e ridare tranquillità ai pensionati e alle loro famiglie”. Totalmente d’accordo il presidente di Confartigianato Fvg Graziano Tilatti: “Ci sono molti spazi nei quali intervenire per riequilibrare i conti, cominciando da coloro i quali percepiscono più pensioni ogni mese ed ognuna delle quali molto pesante. Si cominci da qui”.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento