Settore auto in ripresa in Fvg, stabile la provincia di Udine

È il primo anno con il segno positivo dal 2007. Il mercato delle vetture, nel 2014, ha fatto registrare un aumento del 9.4 per cento con 26.078 immatricolazioni

Un anno di ripresa per l’automobile in Friuli Venezia Giulia. Dopo il -26% del 2012 e un più contenuto -6,8% nel 2013, il 2014 fa segnare il +9,4% con 26.078 immatricolazioni, 2.248 in più delle 23.830 dell’anno precedente. Il trend in picchiata è dunque interrotto e, seppure timida, emerge una reazione del settore.

L'aggiornamento a dicembre 2014:
Il mese di dicembre, Gorizia esclusa e con Udine stabile, ha segnato gli ultimi valori positivi dell’anno. Stando al complesso delle cifre comunicate da Confcommercio regionale, Trieste fa segnare un recupero netto (+18%) con 60 auto immatricolate in più rispetto al dicembre 2013 (394 contro 334). In ripresa, per quanto meno evidente, anche Pordenone (+3,1%), Udine è invece a -0,6% e Gorizia a -13,1%. Il totale delle immatricolazioni di dicembre 2014 è di 2.138, 39 in più del dicembre 2012 (+1,9%).

Il confronto annuale:
Il capogruppo Auto Moto e Ricambi di Confcommercio provinciale di Udine e regionale Giorgio Sina rende noti anche i dati anno su anno. Il +9,4% Fvg è il risultato di segni positivi in tutte e quattro le province del Friuli Venezia Giulia. Nonostante il calo di dicembre, Gorizia segna la più alta percentuale positiva (+17,1%), seguita da Pordenone (+12,2%) Udine (+7,3%) e Trieste +6,5%).

Mai così dal 2007:
Piccola, ma pur sempre una svolta. Non accadeva infatti dal 2007 che il mercato delle auto in Friuli Venezia Giulia registrasse il segno “più”. Allora, prima che iniziasse la crisi, si vendevano oltre 51mila vetture (praticamente il doppio di oggi). Anno dopo anno, fino alla ripresa 2014, si è andati poi sempre calando.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non possiamo che prendere con soddisfazione la rilevazione di fine anno – commenta Giorgio Sina –. Certo siamo ancora su numeri molto lontani da quelli del periodo pre-crisi, ma infonde ottimismo il fatto che finalmente siamo andati in controtendenza".
Come andrà il 2015? "Difficile ipotizzare particolari scossoni – è il parere di Sina –. Credo che ci assesteremo sulle cifre del 2014. In ogni caso preferiamo continuare a tenere i piedi per terra: in Friuli Venezia Giulia sarebbe già positivo interrompere per due anni di fila il trend delle perdite".

Sina interviene anche sulla questione incentivi: "E’ stata utilizzata solo la metà dei 3 milioni messi a disposizione dalla Regione nel 2014. Dopo la scadenza del 20 gennaio, ci aspettiamo una proroga di 6-8 mesi per poter consentire all’utenza di accedere al milione e mezzo di euro ancora a disposizione. La richiesta all’amministrazione è già stata inoltrata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Parcheggia davanti al suo locale per caricare la merce per le consegne ma viene multata

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

Torna su
UdineToday è in caricamento