Assunzioni a tempo indeterminato: in Friuli +82% in un anno

L'aumento è stato calcolato rispetto allo stesso periodo del 2014, contro una media nazionale pari a +34,4%. Lo svelano i dati Inps rielaborati dall'Ires

Nei primi nove mesi del 2015 il Friuli Venezia Giulia si conferma la regione in cui si è registrata la maggiore crescita di nuove assunzioni a tempo indeterminato, +82% rispetto allo stesso periodo del 2014, contro una media nazionale pari a +34,4%. Secondo l’elaborazione del ricercatore dell’Ires Fvg Alessandro Russo su dati Inps, si è passati da quota 11.090 (gennaio-settembre 2014) a 20.180 nello stesso periodo 2015, con un incremento di 9.090 unità. 

Si tratta dei nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato attivati nel settore privato, esclusi i lavoratori domestici e gli operai agricoli, e negli enti pubblici economici. A venire rilevati sono anche i rapporti in capo a uno stesso lavoratore, con riguardo a tutte le tipologie di lavoro subordinato, inclusi il lavoro somministrato e intermittente. La fonte dei dati sono i versamenti contributivi effettuati dalle imprese. 

I dati relativi alle variazioni contrattuali di rapporti di lavoro esistenti indicano, in Fvg, una crescita del 6,7% delle trasformazioni a tempo indeterminato degli apprendisti (+75 unità rispetto allo stesso periodo del 2014) e del 9,4% dei rapporti a termine (+626 unità). Nel complesso si sono registrate 701 trasformazioni a tempo indeterminato in più rispetto al periodo gennaio-settembre dell’anno scorso (+9%).

Le assunzioni a termine costituiscono comunque ancora la quota maggioritaria, mentre prosegue il trend decrescente del ricorso al contratto di apprendistato (-23,9% su base annua), sempre meno conveniente per le imprese. I dati, secondo il ricercatore dell’Ires, «inducono quindi a ipotizzare che le dinamiche osservate siano il risultato dell'effetto combinato dei forti sgravi contributivi e delle novità introdotte dal Jobs Act in tema di contratti a tempo indeterminato, in particolare il contratto a tutele crescenti». 

Per quanto riguarda la decontribuzione, su 20.180 nuove assunzioni a tempo indeterminato effettuate in Fvg fino a settembre, 12.176 (pari al 60,3%) hanno usufruito dell’esonero contribuito previsto dalla Legge 190 del 2014; ne hanno beneficiato anche 5.023 trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine (su 8.459, pari al 59,4%). Il mese di aprile ha registrato un picco con quasi 1.900 assunzioni a tempo indeterminato e circa 900 trasformazioni che hanno usufruito della decontribuzione.

Da gennaio a settembre 2015 la differenza tra le nuove assunzioni e le cessazioni dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato si è ridimensionata dopo un biennio di pesante passivo, ma rimane ancora negativa (-744 unità). Infine, sempre nei primi nove mesi di quest’anno si conferma la crescita esponenziale del ricorso al lavoro accessorio sia a livello nazionale che in regione. Il numero di voucher venduti in Friuli Venezia Giulia da gennaio a settembre 2015 ha infatti superato i 3,7 milioni, con una crescita del 39% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (oltre 1 milione in più). A livello nazionale l’incremento è stato pari al 69%, nell’insieme delle regioni del Nordest al 55%.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento