menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine tratta dal sito www.wellcum.at

Immagine tratta dal sito www.wellcum.at

Riapertura per il Wellcum dal 1 luglio, è boom di prenotazioni italiane

Nonostante il Covid19 il settore dell'intrattenimento per adulti non conosce crisi (alla faccia del Covid19). E il Wellcum austriaco registra già decine e decine di richieste anche dal FVG per il primo giorno di apertura previsto per il 1 luglio

Se il Covid19 ha messo tantissimi settori davanti ad una crisi senza precedenti, c'è un comparto che non registra particolari inflessioni con strutture che, ancor prima della riapertura ufficiale, contano già decine e decine di prenotazioni non solo dall'Italia, ma da tutto il mondo.

Stiamo parlando del settore dell'intrattenimento per adulti in particolare del celebre Wellcum austriaco, struttura da sempre meta (abitudinaria per alcuni, salutaria per altri) di molti concittadini italiani.

La riapertura

Dal 1 luglio, come ci racconta il direttore Cristiano Fabris, la struttura riaprirà finalmente le porte.

"Le nostre caselle e-mail sono già intasate di prenotazioni, più di 20 solo per la prima giornata di apertura - riferisce - Il 70% sono italiani con una componente anche dalla Croazia e dalla Slovenia. L'ultimo giorno prima dell'inizio del Lockdown tanti sono stati i temerari che pur di raggiungerci, hanno allungato la strada di svariati chilometri, facendo il giro per la Slovenia per un'ultima giornata all'insegna del "relax"".

Le misure di sicurezza

"Siamo pronti a ripartire, con le dovute misure di sicurezza - assicura Fabris - Ambienti igienizzati e controllo della temperatura all'ingresso saranno i primi momenti di prevenzione. Le ragazze inoltre, riprenderanno a lavorare solamente a "tampone negativo". Si susseguiranno poi mensilmente le classiche analisi sanitarie che includeranno anche test sierologici e tamponi per la negatività al virus".

"Nel nostro businness mettere le distanze è sicuramente difficile, ma confidiamo che le misure di sicurezza adottate in maniera puntuale e secondo i termini medici, facciano il loro lavoro. Non adotteremo alcuna misura di tracciamento o raccolta dati dei nostri utenti, seppur saremo costretti a "limitare" gli accessi giornalieri per evitare il rischio assembramento".

Insomma un settore, quello dell'intrattenimento per adulti, che "se ne frega" della crisi economica da Covid19 ripartendo in sicurezza e con il "botto", pensando in grande tra ampliamenti e implementazione dell'offerta interna alla struttura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 22 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento