Falsi miti sui migranti: a Pagnacco distribuiti volantini fuori dalla messa della domenica

Alcuni cittadini hanno deciso di reagire alle proteste di chi si opponeva all'uso del seminario di Castellerio come centro di accoglienza e quarantena delle persone migranti

Uno dei volantini distribuiti fuori dalla chiesa di Pagnacco

"Cinque domande per conoscere a fondo i "clandestini"", così titola uno dei volantini distribuiti all'esterno della chiesa di Pagnacco, al termine della Santa Messa domenicale. L'iniziativa è nata da un gruppo di cittadini che si sono ritrovati a seguito delle polemiche scatenate dopo che il parco del seminario di Castellerio era stato scelto come luogo per accogliere i migranti appena giunti in territorio italiano in attesa di concludere il periodo di quarantena. Numerose erano state, per l'occasione, le critiche di parte della cittadinanza. Non tutti gli abitanti del paese, però, hanno reagito criticando la scelta del Prefetto decidendo così di provare a spiegare le loro "ragioni" cominciando da un luogo decisamente simbolico, ovvero la chiesa.

I volantini

Sono tutti irregolari? Come arrivano? Ci portano il covid? Ci stanno invadendo? Da dove vengono? Queste sono le domande a cui uno dei volantini cerca di rispondere
In Fvg vengono principalemnte da Afghanistan e Pakistan. "Nel 2018 in Pakistan c'è stato un attetnato terroristico al giorno (537 morti, 1016 feriti)", si legge nel volantino, "in Afghanistan quattro (7379 morti, 6500 feriti)".
E ancora: "I richiedenti asilo e i rifugiati sono 251mila, cioè quattro ogni mille italiani" e "I richiedenti asilo arrivano in Italia senza avere un visto perché il nostro Paese, che non ha mai attivato corridoi umanitari".

Nel volantino viene anche spiegata brevemente la modalità del viaggio delle persone migranti che "arrivano a piedi, attraverso la Rotta Balcanica, sopportando violenze, torture, privazioni e morti". 

messaggi migranti pagnacco-2

I commenti violenti nei confronti dei migranti che hanno fatto il giro d'Italia

La lettera al sindaco

Siamo un gruppo di cittadini di Pagnacco che è rimasto profondamente ferito dalle parole violente usate in concomitanza all’apertura del centro triage per i richiedenti asilo arrivati dalla rotta balcanica: frasi come “zolfo+carbone macinato finissimo e salnitro, il lavoretto è fatto”, “riapriamo i forni crematori”, “bisogna dare l’olio a quelli che li accolgono, agli inutili merdosi buonisiti” si sono accompagnati a inviti a fare tornei di caccia all’extracomunitario lungo il torrente Cormor e a ritrovarsi davanti al centro triage con taniche di benzina o quintali di legna.
Ci siamo così ritrovati in tanti per condividere altri sentimenti, ideali, opinioni ispirati a principi di libertà, uguaglianza, solidarietà e accoglienza. Rappresentiamo un’altra anima di questo Comune e vogliamo fortemente affermare la nostra presenza, qui a Pagnacco, con altre parole, con altri fatti. Per questo abbiamo la necessità di offrire punti di vista alternativi a questa comunità, con iniziative che concretamente si propongono questi obiettivi: 
- soffocare pacificamente rigurgiti, che richiamano esperienze di un passato prossimo tragico, che gettarono la nostra regione, l’Italia e l’Europa nel baratro dell’odio e della discriminazione razziale;
- promuovere la dignità umana e quei diritti inviolabili vigorosamente affermati nella nostra Costituzione.
Abbiamo scelto le nostre armi per combattere: l’informazione corretta, puntuale, obiettiva e il rispetto della legalità, fissata dalle leggi nazionali e internazionali.

volantino-6

volantino pagnacco-2

volantino pagnacco 1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento