Il Ministro Lamorgese promette più controlli, Fedriga minaccia la chiusura

Parzialmente soddisfatto il governatore del Fvg dopo l'incontro sulla questione migranti con il ministro degli Interni Luciana Lamorgese, che invierà militari per posti di blocco

Immagine d'archivio

A Trieste è arrivata oggi il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese che, nel corso di una conferenza stampa, ha dichiarato che nelle prossime settimane arriveranno altri militari di Strade sicure da destinare alla zona di Udine, al fine di avviare ulteriori controlli con posti di blocco anche sulle statali. 

La reazione di Fedriga

Parzialmente soddisfatto il governatore del Fvg Massimiliano Fedriga che, esprimendo gratitudine per l'attenzione posta al problema del confine orientale, prende atto della decisione del ministro di procedere a un rafforzamento dei controlli sulle frontiere per impedire il flusso di immigrati irregolari. "Però se questi ingressi dovessero continuare fino a far diventare la situazione insostenibile non è da escludere che tutte le Regioni che condividono la stessa visione politica sul tema emanino un'ordinanza sul modello della Sicilia".

Negata la possibilità di redistribuzione

Il massimo vertice della Regione ha confermato "l'assoluta indisponibilità dell'Amministrazione di discutere sulla ridistribuzione sul territorio degli immigrati, in quanto la priorità deve essere quella di evitare l'ingresso degli stessi immigrati irregolari attraverso i confini con la Slovenia". A tal riguardo è stata sottoposta al ministro la richiesta, per il momento non accolta, di chiusura dei cosiddetti valichi minori, mentre è stata ricordata la necessità di alleggerire il numero degli immigrati irregolari attualmente ospitati in regione, il cui numero supera di 900 unità quello dell'anno scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza sanitaria e trasferimenti

Inoltre, per quel che riguarda la quarantena, è stato riaffermato il principio per cui, una volta terminato il periodo di isolamento nelle strutture dotate di tutte le adeguate misure di sicurezza, gli immigrati irregolari dovranno essere trasferiti dal Friuli Venezia Giulia. Infine, la Regione ha rinnovato la disponibilità a collaborare con lo Stato fornendo la tecnologia della Protezione civile Fvg per il monitoraggio dei confini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento