Violenza sessuale: a giudizio un gestore di locali notturni lignanesi

Ad accusare l'uomo, un 43enne residente nella Bassa friulana, una ragazza che lavorò assieme a lui. La difesa: rapporti consensuali tra i due, che ebbero anche una relazione

Il gestore di un locale di Lignano Sabbiadoro, un 43enne residente nella Bassa friulana, è stato rinviato a giudizio a Udine con l'accusa di violenza sessuale ai danni di una giovane cameriera assunta nel suo locale.

Secondo la denuncia sporta dalla ragazza, costituitasi parte civile, i fatti sarebbero avvenuti tra il maggio e il giugno del 2012. Tre gli episodi in cui l'uomo l'avrebbe costretta a subire rapporti sessuali contro la sua volontà, nel seminterrato del locale. La difesa dell'uomo, che punta a dimostrare la sua innocenza durante il dibattimento, ha sottolineato le contraddizioni e i tanti 'non ricordo' nel racconto della ragazza, sostenendo che in realtà i rapporti tra i due, che avevano avuto una relazione, fossero consensuali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento