Palpeggiamenti e ricerca di un rapporto col compagno di cella: condannato

Un 32enne milanese dovrà scontare 1 anno e 10 mesi di carcere e risarcire la sua vittima con 5mila euro

Palpeggiamenti forzati e anche un tentativo di rapporto sessuale, all’interno del bagno della cella che condividevano assieme nel carcere di Tolmezzo: sono queste le ragioni che hanno portato alla condanna - a 1 anno e 10 mesi - di un 32enne lombardo da parte del tribunale di Udine, ritenuto responsabile di  violenza sessuale, tentata e consumata, e lesioni ai danni di un 30enne bellunese. La vittima delle aggressioni si è costituita parte civile, e le è stato riconosciuto un risarcimento danni di 5 mila euro.

I FATTI. L’episodio finale risale al luglio del 2010. Imputato e parte civile dividevano la stessa cella. L'imputato - vistosi rifiutare le “avances” - spinse la vittima nel bagno e gli chiese di togliersi i pantaloni. Di fronte al diniego si vendicò picchiando prima con dei pugni e poi con un manico di scopa.

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • È friulano il migliore giovane neurologo d'Europa

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

  • Scompare da casa e tenta il suicidio, i poliziotti la salvano per miracolo

  • Da lunedì chiusa un'uscita autostradale per cinque mesi

  • Incidente mortale in Slovenia, la vittima è un 48enne di Palmanova

Torna su
UdineToday è in caricamento