Violentò la figlia della convivente quando aveva solamente 8 anni

Un 42enne residente nella Bassa friulana è stato condannato a 9 anni dal tribunale di Udine. Abusò di una bambina, dopo aver scontato già una condanna per violenza sessuale

È stato condannato a nove anni di detenzione, con la pena accessoria dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici e il pagamento delle spese processuali, di quelle dovute alla parte civile costituitasi e, a titolo risarcitorio, delle parti offese per un totale di 42mila euro. Si è conclusa così - di fronte al collegio giudicante del tribunale di Udine presieduto da Carla Missera - la vicenda riguardante un 42enne residente nella Bassa Friulana, accusato di violenza sessuale su una bambina che all’epoca dei fatti contestati aveva appena 8 anni. 

Il periodo di riferimento è il 2005. L’uomo, per cui il pubblico ministero Maria Caterina Pace aveva chiesto una condanna a 11 anni, era gravato da precedenti specifici (ha infatti già scontato 4 anni di carcere per violenza sessuale). La madre della piccola, dopo la separazione dal marito, aveva iniziato a frequentarlo andando a vivere da lui, portando con sé la bambina  e la sorella più grande. Entrambe le  bambine (come i due adulti) erano seguite dagli assistenti sociali e, a scuola, anche da insegnanti di sostegno. In questo contesto difficoltoso è maturato l'episodio di violenza, con l’uomo, al tempo 32enne, che indusse la piccola alla prestazione sessuale. Questa obbedì e, a conclusione dell'atto, fuggì rivelando il tutto alla madre. Dopo una lite furibonda con il compagno, la donna non ritenne di denunciare la cosa. Così, per anni, non se ne parlò più. Una volta che le due bambine tornarono a vivere col padre biologico i fatti però emersero, facendo riaffiorare una storia che nessuno dei protagonisti avrebbe dovuto vivere.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Piangevano tutti». L'incredulità e la tristezza dei dipendenti della Safilo

  • Stesa a terra in strada, si pensa a un incidente ma in realtà è un'ubriaca inseguita dal marito

  • Chiude la Safilo di Martignacco, 250 persone senza lavoro

  • Entra in bar e punta il fucile contro un cliente per un commento di troppo

  • Riapre il Liberty: nel locale di viale Ledra rivivranno le anime del PiGreco e del Wellington

  • Una stupefacente immagine del Friuli su "Le foto che hanno segnato un'epoca"

Torna su
UdineToday è in caricamento