Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Borgo stazione: prostituzione, schiamazzi e vandalismi all'ordine del giorno

La segnalazione e lo sfogo di alcuni residenti del quartiere, esausti delle scene a cui assistono quotidianamente

 

Quello che potete vedere nei pochi secondi di questo filmato è quello che vivono e ci raccontano alcuni residenti della zona del Quartiere delle Magnolie, più nota come Borgo Stazione. Nella prima parte del video si notano due prostitute picchiarsi, nella seconda parte si può osservare una donna danneggiare un'auto parcheggiata in strada (è stato strappato e gettato a terra un tergicristallo) e litigare poi con un'altra collega.  

«E' una continua escalation» ci hanno spiegato alcuni residenti che ci hanno fornito i file video che sono stati anche consegnati alle forze dell'ordine. «Di notte viviamo e subiamo episodi di vandalismo e schiamazzi dovuti spesso ad alcol e a litigi . La zona - ci ha descritto Giacomo - è ormai letteralmente invasa dalle prostitute, dai loro protettori e dagli spacciatori. Solo in via Battistig ci sono più di una decina di prostitute che litigano in continuazione per il "territorio". Diverbi che periodicamente scaturiscono in vere e proprie risse - ha puntualizzato».

«Ogni sera si verificano puntualmente scene come quelle del video che vi abbiamo consegnato - ha aggiunto Dario -. Io stesso ho provveduto molto spesso a contattare sia carabinieri che polizia. Noi e molti abitanti del quartiere siamo davvero esasperati: non possiamo tenere aperte le finestre di notte a causa della confusione che queste signore e signori creano e non possiamo più uscire tranquillamente di sera per farci una passeggiata in tutta serenità. E' una situazione insostenibile. Ma dove sono le istituzioni? Perché non fanno qualcosa?».

Ai racconti di Giacomo e Dario (i nomi sono di fantasia perchè ci hanno chiesto di tutelare la loro identità) si è aggiunto lo sfogo di Claudio, che da decine di anni possiede una nota attività nella zona vicino alla stazione delle corriere. «Questo era, e lo potrebbe ancora essere, uno dei quartieri più belli di Udine, il biglietto d'ingresso della città. Non è un caso se gli affari da noi sono drasticamente calati negli ultimi anni. E la colpa non è né della crisi né del multiculturalismo, che è stupendo. Ha a che fare solo con lo spaccio e il degrado che si vive in queste strade».

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento