Camping Italia '90, svolta decisiva: diventerà riferimento per il turismo slow a Udine

Venerdì i Comuni di Udine e Pasian di Prato firmeranno un protocollo d'intesa che permetterà di procedere con i lavori di riqualificazione dell'area

L'ingresso desolato del camping

Prenderà forma, dopo anni di incertezze, degrado, incomprensioni e sì, anche polemiche, l'area del campeggio Italia '90: era il maggio del 2019 quando il Comune di Udine aveva dato notizia del via alle trattative e questo venerdì ci sarà la firma del protocollo d'intesa sottoscritto con il Comune di Pasian di Prato. Come ha confermato l'assessore al bilancio Laudicina «il protocollo d'intesa serve per sfruttare i finanziamenti europei e l'obiettivo è fare diventare quest'area il punto di riferimento della mobilità lenta e l'accordo con il comune di Pasian di Prato era necessario dopo tanto tempo per condividere una linea unitaria».

Una questione di confini

Insieme i due comuni agiranno per poter attingere ai finanziamenti europei e «per far sì che il campeggio diventi un riferimento per chi scende dall'Alpe Adria e si vuole fermare a Udine», ha proseguito Laudicina. 
Le tempistiche, però, non sono ancora state definite. «Ognuno si è preso una serie di obblighi e doveri: il comune di Udine si impegna a portare avanti il marketing territoriale e fare le infrastrutture necessarie, quello di Pasian di Prato dovrà favorire la messa in opera, oltre a portare avanti anch'esso il marketing territoriale». Dalla Laudicina la rassicurazione che la nuova area non dovrà incidere sull'abitato di Passons, «ma essere un valore aggiunto».

La storia

Il Comune di Udine ha realizzato sul finire degli anni '90 un’area attrezzata finalizzata all’esercizio delle attività turistico ricettive ed alle funzioni ad esse collegate denominata “Campeggio del Cormor” e che si trova al confine con il Comune di Pasian di Prato a ridosso del Parco Fluviale del Cormor dove la continuità geografica e territoriale innesca connessioni e legami di tipo storico-culturale, naturalistico proponendo un’omogeneità delle risorse paesaggistiche identitarie dei territori dei due comuni. Le politiche regionali per lo sviluppo dei territori indirizzano verso forme di intercomunalità per l’attivazione di strategie e azioni per la programmazione e la pianificazione economica e territoriale in coerenza con le strategie locali di sviluppo turistico.

Gli obiettivi 

Tra gli obiettivi generali di ciascun Comune firmatario è previsto l'avvio di programmi e interventi condivisi di promozione e valorizzazione territoriale al fine di poter rappresentare i valori sopra espressi in forma omogenea e condivisa, mediante azioni di marketing territoriale da attuarsi anche attraverso il ricorso ai bandi e procedure di cooperazione internazionale già inserite nei diversi canali di finanziamento pubblico europeo: nell'ottica generale di promozione del territorio e valorizzazione delle risorse a servizio della collettività assume valenza turistica anche la sistemazione ed il recupero dell'area a campeggio a ridosso del Cormor che può diventare punto di riferimento per il servizio alla “mobilità lenta”.

Azioni

Per rendere fruibile la struttura ricettiva e avviare l’azione di promozione turistica dell’area è necessario che la zona sia servita delle idonee infrastrutture tecnologiche con particolare riguardo allo smaltimento delle acque reflue mediante la realizzazione di un tratto di fognatura lungo via Casali in Comune di Pasian di Prato. Le prime azioni riguarderanno l'ottenimento di tutte le autorizzazioni necessarie e la conseguente realizzazione dei lavori per l’allaccio delle utenze di fognatura, gas e acquedotto alla rete pubblica dei servizi.

Vincitore del Bando

Con determinazione dirigenziale n. 2013/4902/0004 d’ord. esecutiva il 16 gennaio 2013 è stata disposta, in base alle risultanze di gara pubblica, accertate con apposito verbale, l’assegnazione della concessione del campeggio del Cormor a favore di un soggetto economico privato locale che per attivare la fase esecutiva ha la necessità di ottenere gli allacci alle utenze tecnologiche. La notizia è che lo stesso soggetto vincitore del bano si è detto ancora interessato al progetto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento