Vendemmia anticipata anche in regione, si parte a Ferragosto

Con 10 giorni di anticipo rispetto alla media storica, in Friuli Venezia Giulia si inizierà a raccogliere il Pinot nero base spumante, complici anche le gelate di aprile. Difficoltà anche per l'assenza dei Voucher

Immagine d'archivio

C'è chi ha già staccato il primo grappolo d'uva come a Brescia, dove è cominiciata la raccolta per la produzione di Chardonnay e chi, come in Friuli Venezia Giulia, si prepara a inaugurarla.

Partirà infatti nella settimana di Ferragosto la vendemmia 2017 nella nostra regione, circa 10 giorni in anticipo rispetto alla media storica. La previsione per quest'anno vitivinicolo, secondo Coldiretti FVG, è di un calo del 10% sulla quantità prodotta, ma un buon risultato in quanto a qualità.

Cosa si raccoglierà

Si parte da lì in particolare nei vigneti più giovani, quelli di due o tre anni in cui l’uva matura prima, ricorda Dario Ermacora, presidente di Coldiretti Fvg. Seguiranno Il Pinot nero di maggior pregio, quello fermo. Entreranno poi in cantina i grappoli del Pinot grigio, quindi Sauvignon, Friulano, Ribolla, Malvasia, Verduzzo e Picolit. Per i rossi si attenderà metà settembre e via con il Merlot e poi Pignolo, Refosco, Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon. Un percorso lungo altre tre settimane per chiudere le operazioni attorno alla prima settimana di ottobre, in tempo per evitare i primi, negativi abbassamenti di temperatura.

Le previsioni

Le gelate del 20-21 aprile, fa sapere Marco Malison, responsabile del settore vitivinicolo di Coldiretti Fvg, hanno interessato il territorio in modo diffuso, ma a “macchia di leopardo”. Di fatto, a distanza di qualche centinaio di metri, si può passare da un danno nullo o limitato fino al 100% di perdita anche in funzione del sistema di allevamento. In generale le varietà più colpite sono state Glera, Refosco, Pinot, Chardonnay, Picolit.

Per contro nei vigneti non colpiti la produzione è discreta in conseguenza di una buona fertilità delle gemme e del peso medio grappolo che si prevede superiore alla media.

In generale, comunque, pare che ci si possa attestare attorno a un calo complessivo del 10% della produzione rispetto all’anno scorso (1,856 milioni di ettolitri). Oltre agli effetti della gelata in alcune zone, a incidere è il fatto che quest’anno quasi tutte le varietà, tranne alcune come per esempio il Merlot, risultano non particolarmente cariche di prodotto.

Quanto alla qualità, le previsioni sui bianchi sono positive: «Se non ci saranno eccessivi stress idrici la prossima settimana, o addirittura grandinate – anticipa Ermacora – la qualità sarà buona. Sui rossi, invece, è preferibile non azzardare ipotesi». 

Le difficoltà

Le difficoltà del comparto non riguarderanno soltanto la vendemmia anticipata e le conseguenze dei bruschi cali delle temperature di ottobre, ma guarderanno anche al lato burocratico. Il 2017 infatti sarà il primo anno senza i voucher, forma di pagamento per lavoro occasionale nata proprio per servire il comparto vitivinicolo nel periodo della vendemmia. I ritardi burocratici nell’avvio dei nuovi strumenti rischiano di impedire a pensionati, studenti e percettori di integrazioni al reddito di partecipare al rito della raccolta con conseguente calo di personale occasionale per il comparto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • No a euro, 5G e mascherine, i gilet arancioni in piazza con il loro leader Gigi Nardini

Torna su
UdineToday è in caricamento