rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca Palmanova

Caccia ai vandali che hanno deturpato i bastioni di Palmanova

Divelti un cartello e una palizzata, imbrattata la cartellonistica, balle di fieno lanciate nel fossato e poi bruciate. Il sindaco Tellini: “Siamo sulle tracce dei responsabili”

Uno scenario impressionante quello che si è presentato su Bastione Garzoni a Palmanova, davanti agli agenti della polizia locale del Comune. Cartelli sradicati dal terreno, staccionate di legno forzate e rese pericolanti, la nuova cartellonistica turistica imbrattata con pennarelli indelebili con scritte ingiuriose, balle di fieno lanciate dalle mura verso il fossato e altre aperte e semibruciate tra i vandalismi riscontrati dalle forze dell'ordine. I fatti si sono svolti in più riprese, sia su Bastione Garzoni sia su Bastione Foscarini, altro punto dove si è concentrata l'opera di questi teppisti. 

I fatti

Sul belvedere di Bastione Garzoni, un ampio cartello fissato su un pesante blocco di cemento è stato forzato, probabilmente da più persone, fino a sollevarlo dal terreno, rendendolo instabile. Allo stesso modo, il parapetto di legno fissato sull’estremità del baluardo, utile a proteggere da eventuali cadute accidentali, è stato divelto dal terreno e alcune sezioni sono state lasciate a terra. Una delle balle di fieno realizzate dopo lo sfalcio della vegetazione sulle mura è stata fatta rotolare fin dentro il corso d’acqua che circonda la città. Da un’altra è stato estratto del fieno a cui è stato dato fuoco. Altri gesti simili sono stati rilevati nei pressi di Bastione Foscarini, dove degli sconosciuti hanno rovinato tavoli, cartelli turistici e l’interno di una loggia secentesca, scrivendo con pennarelli e bombolette spray frasi e disegni volgari. L’area Foscarini è videosorvegliata ma, muovendosi con circospezione nelle ore notturne, i vandali non sono stati ancora identificati in maniera palese.

Il sindaco Giuseppe Tellini

“Questi sono comportamenti ingiustificabili, che vanno sanzionati e puniti. Distruggere così un bene pubblico che stiamo riqualificando con tanta fatica, denaro e impegno è un’azione indescrivibile. Assieme al comandante, agli agenti della polizia locale e ad alcuni testimoni, stiamo ricostruendo i fatti per trovare i responsabili di questi gesti. I bastioni sono un bene dell’umanità, della città e di tutti i cittadini di Palmanova. Un’ampia superfice, la cui cura è un costante e dispendioso impegno. Vedere questi vandalismi fa davvero male”, commenta il sindaco della città stellata Giuseppe Tellini. “Da tempo abbiamo incrementato i controlli ma le aree sono davvero vaste e i mezzi a disposizione limitati. Chiediamo a chiunque abbia maggiori informazioni sugli accaduti, di segnalarlo alle forze dell’ordine. Oltre alle indagini, ora dovremo provvedere a sistemare e aggiustare i danni subiti alle strutture”, conclude Tellini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia ai vandali che hanno deturpato i bastioni di Palmanova

UdineToday è in caricamento