rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Cronaca

Scuola media: no promiscuità, prima i bambini poi i richiedenti asilo

Honsell:"l'amministrazione si impegna a fornire altre aule per lo svolgimento delle lezioni pomeridiane. Al mattino solo donne e mamme"

I bambini prima di tutto. È questo l'esito dell'incontro a palazzo D'Aronco tra l'amministrazione comunale, i rappresentanti della scuola Valussi e del Cpa. Dopo una lunga discussione il sindaco di Udine Furio Honsell ha deciso di dare priorità ai giovani allievi a discapito di quelli adulti. 

Le lezioni agli stranieri e ai richiedenti asilo andranno quindi fatte il pomeriggio ad unica eccezione per le mamme che potranno utilizzare le stanza al mattino, per sfruttare le ore di frequentazione dei figli a scuola e che, a parere del sindaco, non creano problemi di convivenza. Durante l'accesa discussione sono state analizzate diverse soluzioni, tra cui anche la possibilità di dividere con un muro il corridoio sotto accusa: alternativa non fattibile per motivi di sicurezza. 

Per il sindaco la convivenza fra maschi adulti e bambini non è possibile, la tutela dei minori deve avere la priorità, in cambio l'amministrazione comunale si impegna a fornire spazi pomeridiani per lo svolgimento delle attività in altri edifici.

Al momento gli iscritti ai corsi del Cpa sono circa 500 e le stanze utilizzate fino agli anni passati non sono più sufficienti.

I problemi di convivenza denunciati dai genitori e dagli insegnanti sono molteplici, dalle sigarette fumate a quelle regalate ai giovani, all'utilizzo del bagno a quello del cellulare. La promiscuità, a parere di Honsell, non è possibile.

Il Cpa, che sarà costretto a sospendere i corsi, si è reso disponibile a trasferire le classi nella vicina scuola elementare Garzoni, dove le lezioni si svolgerebbero il pomeriggio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola media: no promiscuità, prima i bambini poi i richiedenti asilo

UdineToday è in caricamento