Soccorso alpino, dopo una notte in quota recuperati questa mattina due alpinisti

I due erano rimasti bloccati in parete sulla via Krobath - Metzger alla Cima del Vallone

La  stazione di Cave del Predil è stata allertata ieri sera per due alpinisti bloccati in parete sulla via Krobath - Metzger alla Cima del Vallone, nelle Alpi Giulie, nella conca di Riofreddo, una via classica di difficoltà quinto superiore, seicento metri di dislivello e settecento metri di sviluppo. Si tratta di due sloveni, bloccati al diciannovesimo tiro, quindi quasi alla fine della via. Con loro il capostazione ha tenuto tutta la notte i contatti al telefono non potendo avviare la macchina dei soccorsi in parete e non potendo utilizzare l'elicottero a causa del buio. Tra pochi minuti l'elisoccorso con a bordo due tecnici di elisoccorso si alzerà in volo per cominciare il recupero con il verricello direttamente dalla parete. 

Il ritrovamento

L'elisoccorso, con a bordo due tecnici del soccorso alpino, ha recuperato questa mattina intorno 7.30 con il verricello i due alpinisti sloveni colti dal buio sugli ultimi tiri di corda della via Krobath Metzger alla Cima del Vallone in leggera ipotermia e li ha portati a rifocillarsi presso la caserma della Guardia di Finanza di Sella Nevea. Si tratta di due scalatori di Kranj, A. Z. del 1984, maschio e Z. K. del 1991, femmina.

Potrebbe interessarti

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Cantinetta del vino in casa, quale scegliere

  • Viaggio in auto: come combattere il caldo

I più letti della settimana

  • Lignano, chiamano il taxi ma arriva qualcun altro

  • Ritrovata Lorena in uno stavolo di montagna: è viva ma semi incosciente

  • Si distendono a terra aspettando le auto mentre l'amica li filma, ragazzini rischiano l'investimento

  • Giornata no per i locali lignanesi, chiusi il Mr. Charlie e La Pagoda di Pineta

  • Va dal medico perché in sovrappeso, scopre di essere incinta al settimo mese

  • Ruba un'auto, sperona i carabinieri e poi cerca di rubargli la pistola, arrestato

Torna su
UdineToday è in caricamento