Cronaca

Vacanze in Croazia e rientro in Italia: cosa dice l'ordinanza nel dettaglio

Il ministro Speranza ha disposto l'obbligo di test per il Covid 19

Chi entra in Italia e nei quattordici giorni antecedenti ha soggiornato o transitato in Croazia, Grecia, Malta o Spagna, ha l'obbligo di fare il tampone per il Covid-19. Alla lista dei Paesi per cui è previsto divieto di ingresso e transito si aggiunge la Colombia. Lo dice la nuova ordinanza firmata dal ministro Speranza che, in virtù della nuova ondata di contagi – anche nelle vicine Istria e Dalmazia –, dispone i seguenti provvedimenti:

1 - Obbligo di presentare all’imbarco l’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso in Italia, ad un test molecolare o antigenico con tampone, che deve avere risultato negativo; 

2 - Obbligo di sottoporsi ad un test al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine,ove possibile, oppure (entro 48 ore dall’ingresso in Italia) presso l’azienda sanitaria locale di riferimento, e in attesa del test è obbligatorio sottoporsi all'isolamento fiduciario in casa.

3 - Anche in assenza di sintomi, le persone sono obbligate a comunicare immediatamente il proprio ingresso nel territorio nazionale al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio

4 - In caso di sintomi Covid-19, è obbligatorio segnalarlo con tempestività all’Autorità sanitaria chiamando i numeri telefonici dedicati e di sottoporsi ad isolamento.

Scarica l'ordinanza integrale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vacanze in Croazia e rientro in Italia: cosa dice l'ordinanza nel dettaglio

UdineToday è in caricamento