Meglio in carcere che a casa con la famiglia, uomo ai domiciliari chiama i carabinieri

Un uomo in stato di agitazione ha richiesto l'intervento dei militari dell'Arma a causa della convivenza con i parenti

Ancora una volta e ancora con protagonista una persona sottoposta alla misura della detenzione domiciliaire. Nel pomeriggio di oggi, martedì 7 maggio, un uomo residente a Udine Est abbia chiamato, in stato di agitazione, i carabinieri della Compagnia di Udine, richiedendo di voler tornare in carcere. Il motivo? Ancora una volta la famiglia troppo "ingombrante". Il malessere dell'uomo pare essere stato causato dalla convivenza forzata con i parenti. All'arrivo della pattuglia, però, la persona che ha richiesto la carcerazione si è tranquillizzato proprio grazie alla presenza dei militari dell'Arma, che lo hanno convinto a rimanere a casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Clima impazzito: un temporale di neve imbianca il Friuli

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento