rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Comeglians

82 enne cade nel bosco e batte la testa, 16 soccorritori lo salvano

L'uomo si è infortunato nei dintorni di Comeglians. L'incidente si è verificato verso le 19 e 30

Recuperato un 82 enne nei dintorni di Comeglians nella serata di mercoledì. Tramite il Nue112 una donna di Tavagnacco ha chiamato il Nue112 riferendo che il marito era caduto nel bosco battendo la testa. La donna aveva ricevuto a sua volta una chiamata dal marito in cui questi le riferiva dell'accaduto. I soccorritori della stazione di Forni Avoltri (sedici persone e tre unità cinofile), assieme a Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco si sono attivati per spostarsi nella zona di Mieli e Tualis e cercare, su indicazione della moglie dell'uomo (che lo attendeva per cena a Mieli), la sua automobile. La donna conosceva più o meno la zona in cui il marito si recava solitamente a funghi e ha fornito indicazioni utili a reperire l'auto: quest'ultima era parcheggiata lungo la strada cosiddetta "Panoramica delle vette", in corrispondenza di una pista forestale/sentiero che si inoltra nel bosco.

Un importante punto di partenza per iniziare le ricerche da parte dei soccorritori, dato che l'uomo ha perso, poco dopo essere caduto, il suo cellulare e dato che quest'ultimo pur rimanendo funzionante e raggiungibile, non avrebbe potuto servire all'individuazione delle sue coordinate essendo un apparecchio di vecchia generazione. Ritrovarlo ha richiesto un po' di tempo, circa due ore, perché l'uomo era caduto in un rio al di fuori della pista forestale che aveva imboccato inizialmente. Si è infatti appreso che verso le 16.30 l'uomo aveva telefonato alla figlia dicendole che si era trovato bloccato da alcuni schianti di alberi e che avrebbe cercato di ritornare sui suoi passi. L'incidente che gli ha procurato diversi politraumi a testa, torace e schiena, è accaduto verso le 19.30, quando è riuscito a chiamare la moglie. 

Una volta individuato dai soccorritori, tra i quali c'era un soccorritore alpino sanitario, l'uomo è stato stabilizzato e imbarellato. L'operazione è stata macchinosa e ha richiesto più tempo così come il recupero della barella dal rio fino alla quota della pista forestale, effettuata con corde e paranchi dopo l'attraversamento di un secondo rio. Infatti nel frattempo i vigili del fuoco avevano aperto il passaggio tra gli schianti di piante tagliando rami e tronchi con la motosega. Una volta riportato sulla traccia di sentiero originale il trasporto della barella è stato relativamente più semplice, fino all'ambulanza.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

82 enne cade nel bosco e batte la testa, 16 soccorritori lo salvano

UdineToday è in caricamento