rotate-mobile
Cronaca

Udine nel progetto del più grande telescopio per raggi gamma dell’emisfero boreale

Il Large Size Telescope in costruzione alle Canarie aiuterà a scoprire origine e composizione dell'universo. Dal 2004 gli scienziati dell'Ateneo studiano l'universo con i telescopi gamma. Convegno dal 6 al 10 febbraio a palazzo Antonini con gli astrofisici che lo stanno costruendo

Il Large Size Telescope: LST non è un telescopio ottico, ma una parabola ipertecnologica a specchi mobili di 23 metri di diametro capace di catturare le debolissime radiazioni ultraviolette, chiamate “luce Cherenkov”, prodotte dai raggi gamma, fotoni di altissima energia di provenienza galattica ed extra galattica che riescono ad arrivare sulla Terra. «Grazie all’analisi dei dati di LST – spiega Barbara De Lotto – saremo in grado di risalire alle sorgenti cosmiche dei fotoni e forse di risolvere alcune delle grandi questioni ancora aperte che riguardano l’universo, in particolare la natura della materia oscura che, si ipotizza, costituisce quasi il 90% della massa presente nell'universo». 

Il più grande sistema mondiale di osservatori astronomici gamma: Con l’LST nasce il più grande sistema al mondo di telescopi per astronomia gamma, il “Cherenkov Telescope Array” (CTA). A esso si aggiungerà fra qualche anno un sistema di telescopi ancor più grande che sarà realizzato nell’emisfero australe, a Paranal, in Cile. Complessivamente il progetto CTA prevede la realizzazione di oltre 100 telescopi di nuova generazione dedicati allo studio dei raggi gamma. CTA sarà dotato di tre tipi di specchi parabolici per la rivelazione della luce Cherenkov, che saranno i suoi occhi ipertecnoloigici: i Large Size Telescope (LST) con un diametro di 23 metri, i Medium Size Telescope (MST) con un diametro di 12 metri e i Small Size Telescope (SST), con un diametro di 6 metri. A questo progetto l’Italia collabora con l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e numerose università. 
 
L’Università di Udine e i telescopi a raggi gamma:
Gli astrofisici dell’Ateneo friulano sono impegnati dal 2002 nelle collaborazioni internazionali che realizzano e coordinano telescopi per raggi gamma alla scoperta delle caratteristiche dell’universo profondo. Da quell’anno infatti lavorano, sempre a La Palma e con il ruolo anche di coordinatori nazionali per l’Infn, nell’ambito delle attività di Magic, il telescopio a raggi gamma, a fianco del quale sarà collocato il grande telescopio LST. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Udine nel progetto del più grande telescopio per raggi gamma dell’emisfero boreale

UdineToday è in caricamento