menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggressione a tifosi del Napoli, condannati tre ultras bianconeri

L'episodio si verificò il 28 novembre del 2010, quando zio e nipote piccolo tifosi partenopei vennero aggrediti fuori dallo stadio Friuli poco prima della partita

Concorso in lesioni, danneggiamento e ingiurie: per la violazione di queste fattispecie di reato sono stati condannati dal giudice monocratico del tribunale di Udine, Emanuele Lazzàro, tre ultras dell'Udinese, protagonisti di un'aggressione nei confronti di due tifosi napoletani residenti a Buttrio, zio e nipote piccolo, poco prima di Udinese-Napoli del 28 novembre 2010.

DASPO A TRE ULTRAS DELL'UDINESE

Gli ultras bianconeri, vedendo passare i due accanto alla curva nord con bandiera e sciarpa del Napoli, accerchiarono e presero a male parole i due. La scena venne notata da due agenti in borghese della Squadra mobile cittadina, che fecero salire sulla loro Punto zio e nipote per portarli in salvo. Gli ultras si lanciarono quindi contro l’auto, prendendola a calci e pugni e mandando in frantumi i cristalli laterali.

Sono stati così condannati J.S., 31enne di Pasian di Prato, D.B., 29enne di Reana del Rojale, e C.F., 39enne di Udine. Per loro, rispettivamente, 1 anno e 2 mesi di reclusione, 1 anno e 1 mese e 7 mesi, con la sospensione condizionale della pena. In più, in solido, sono stati condannati al risarcimento del danno: 9mila euro in favore dei due agenti, 6mila e 500 per lo zio e 8mila e 500 per il nipote.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento