menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Identità civica: "volevamo anche noi i grandi concerti a Udine"

I giovani del partito si lamentano di questa scelta. "Udine perderà anche sul versante turistico e dal punto di vista commerciale. Chi ha votato questo sindaco deve rassegnarsi all’idea che Udine è destinata ad essere emarginata"

“Avremmo voluto i grandi concerti anche a Udine”: lo dicono i giovani della lista civica di Adriano Ioan, Identità Civica (Id), per ringraziare il sindaco Honsell di avere agito in modo che per due anni la nostra città resti fuori dal circuito musicale, a causa dei lavori allo Stadio, vedendosi preferire il capoluogo giuliano, per ovvie questioni di spazio, capienza e disponibilità logistica. D'altronde Azalea lo aveva già annunciato, non è certo una novità.

L’occasione per il nuovo attacco formulato, a nome dei giovani, dal rappresentante di Id Gary Di Qual è l’annuncio della tappa dei Pearl Jam a Trieste. “Non ci interessano i premi di consolazione di Cosolini, Bolzonello e Serracchiani che prefigurano, non appena lo Stadio Friuli sarà sistemato, che la nostra città ritornerà a comparire fra le location scelte dai big. Ci interessa pronosticare come, nell’arco di due anni, Udine, anche sotto l’aspetto degli eventi concertistici, avrà perso appeal, non essendo una tappa appetibile né utilizzabile. Questa perdita di centralità, ovviamente, si ripercuoterà anche sul versante del turismo e dell’offerta alberghiera oltre che sull’immagine complessiva del nostro territorio. “Chi ha votato questo sindaco – conclude Di Qual – deve rassegnarsi all’idea che Udine è destinata ad essere emarginata dalla lista dei concerti di richiamo nazionale e internazionale. E prima di riuscire a invertire il trend ci vorrà del tempo. Ancora una volta il sindaco ha permesso che Trieste risultasse la piazza più ambita. A casa nostra questo vuol dire fare gli interessi di altri, non certo del Friuli e dei friulani, e questo perché non abbiamo un sindaco friulano. Cosolini è triestino doc e si vede dalle azioni che giustamente fa per la sua città”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: 9 decessi, calano ricoveri e terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento