A Udine un crocifisso per unire

L'istanza "pasquale" di Fogolar Civic a sindaco e amministrazione comunale di Udine

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Ecco il testo della lettera inviata dal Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e dal Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl", presieduti dal prof Alberto Travain, al Sindaco e all'Amministrazione comunale di Udine in occasione delle festività pasquali 2014, lettera avente per oggetto la proposta di un prossimo "dono alle scuole di Crocifissi reinterpretati interculturalmente": "Pregiatissime Autorità, nell'imminenza delle festività pasquali e di quella marciana del 25 aprile, richiamo storico a primigenie condivise matrici di civiltà di questa parte del Continente tra Adriatico e Danubio, il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl", raccordata valida rappresentanza della società civile locale, invitano, con la presente, l'Amministrazione comunale di Udine non solo a rifornire debitamente di Crocifissi le scuole di pertinenza, ma a costituirne soprattutto il fatto come qualificante occasione laica per riproporre istituzionalmente, senza pregiudizi e nella più piena ed orgogliosa indipendenza dai poteri religiosi, quell'antico simbolo locale e globale come fattore di moderna aggregazione interculturale. Si faccia di un atto dovuto per legge, dunque, un'occasione per costruire comunità. Un Crocifisso, quindi, rinnovato emblema comunitario, inclusivo, armonizzante, non omologante, riferimento comune per sensibilità molteplici raccolte localmente attorno a valori universali; un Crocifisso, simbolo radicato, incarnato nella peculiare vicenda umana del territorio e primo contrassegno accomunante una civiltà europea nata per sottrazione dall'antico mondo romano; un Crocifisso richiamo ed omaggio alle vittime dell'umana ingiustizia, segno di umile regalità, esempio di gloria costruita attraverso il servizio ed il sacrificio a favore del prossimo, immagine di plurimillenaria speranza e di trionfo dell'Umanità sul peggiore nemico costituito da una morte intesa come condanna all'annullamento…Sappia Udine essere anche in questo degna erede di quell'Aquileia che unendo le diversità originò e ancora ispira principi importanti di coesione morale, sociale e civica. Anzi, non a caso, alle scuole si doni proprio quella croce detta "aquileiese", fusione di antiche simbologie associanti credenze e valori universali! Con i più sinceri auguri di buona Pasqua".

Torna su
UdineToday è in caricamento