Minacce alla vicina e calci e pugni ai carabinieri sotto i fumi dell'alcol

Un 34enne sandanielese è stato prima bloccato a forza dagli uomini dell'Arma e poi portato in ospedale a causa dei gesti di autolesionismo a cui ha dato vita nella camera di sicurezza

Nottata originale per il 34enne sandanielese L.T. All'una e mezza la vicina di casa, la 24enne A.R., ha dovuto chiedere l'intervento del 112 a cause delle minacce e ingiurie che l'uomo, in evidente stato di ubriachezza, le stava rivolgendo a seguito di un diverbio.

All'arrivo delle forze dell'ordine L.T. ha dato in escandescenza, iniziando a inveire contro i militari e tentando di colpirli con calci e pugni.

Mentre i carabinieri lo stavano immobilizzando ha colpito un parafango dell'auto di servzio, provocando una vistosa ammaccatura.

E' stato poi trasportato nelle camere di sicurezza della locale caserma, ma nemmeno lì ha trovato pace. Ha infatti preso a testate il muro della stanza provocandosi, stando alla diagnosi dei sanitari dell'ospedale di San Daniele, un'escoriazione alla fronte giudicata guaribile in quattro giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aria salubre e sicura con la corretta manutenzione dei climatizzatori

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

Torna su
UdineToday è in caricamento