La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

Gli italiani possono entrare in Croazia ma devono presentare un documento che attesti la prenotazione per il pernottamento. La Slovenia continua ad optare per misure più severe

È possibile entrare in Croazia? E se sì, chi può farlo e con quali motivi? TriestePrima lo ha chiesto alla console della Croazia a Trieste Nevanka Grdinic che ha chiarito la posizione del Paese.

Si può entrare in Croazia? Sì. Chi può farlo? Tutti i cittadini dell'Unione europea e le loro famiglie, basta presentare la carta d'identità valida per l'espatrio o il passaporto.

Per quali motivi?  Se sussistono motivi lavorativi o interessi economici, esigenze private inderogabili come funerali o un parente malato. I confini sono aperti anche ai titolari di beni mobili o immobili come case e barche, basta che presentino al confine un documento che attesti la titolarità della proprietà. È concesso l'ingresso in Croazia anche ai turisti che devono avere con sè la prenotazione per il pernottamento.

Chi entra deve sottostare ai 14 giorni di quarantena? No.

La Croazia ha scelto di allentare le misure restrittive anche per i turisti italiani, mentre rimane ancora invariata la posizione della Slovenia. Nell'elenco dei Paesi a cui è stato concesso il via libera, al momento compare solo la Croazia. Per quel che riguarda coloro che dall'Italia devono recarsi in Slovenia, l'accesso è consentito solo a coloro che hanno comprovate esigenze lavorative o coloro che devono recarsi presso le scuole o università slovene (alunni e universitari). Resta l’obbligo di quarantena per chi rientra in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Niente mini zone rosse, Fedriga fa dietro front: si ai tamponi per tutti

  • Coronavirus, cala il numero dei tamponi ma sale la percentuale di contagiati in Fvg

Torna su
UdineToday è in caricamento